RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Tregua Coniugale" di Danilo Runfolo

Titolo: Tregua Coniugale
Autore: Danilo Cristian Runfolo
Editore: Delos Digital – Collana Senza Sfumature
Genere: Racconto Erotico
Prezzo Ebook: € 2,99
Pagine: 74
Data di uscita: 5 giugno 2018
Serie: Trame Coniugali
#1 – Intesa Coniugale
#2 – Tempesta Coniugale
#3 – Tregua Coniugale
Dopo l’intesa che ha dato il via ai giochi erotici e la tempesta, che ne ha evidenziato i limiti, per i due coniugi siciliani è tempo di tregua; una patto di alleanza da stringere con qualcuno che, in sordina, ne ordiva da tempo le trame.

Il tempo, per Fabio e Laura, sembra essere trascorso troppo in fretta, senza mai passare: c’è ancora un guardone dietro il finestrino di un’auto, e l’odore di rum e tabacco sul letto di una cameretta lontana. Un SMS inatteso giunto a fine tempesta sembra ora voler annunciare una nuova catastrofe che li proietterà ancora allo stesso tavolo da gioco; senza capire chi sta dando le carte e quale sia la loro reale puntata in questo giro di buio. 
Francesca, la psicologa, ha deciso di affrontare il problema di Laura e risolverlo una volta per tutte, nel modo più semplice; accostandone un altro.
“Tregua coniugale” è il terzo episodio della trilogia Trame Coniugali. Il primo racconto, pubblicato a marzo per Senza Sfumature Delos, si intitola “Intesa coniugale”, il secondo “Tempesta Coniugale”.



Danilo Cristian Runfolo, nasce a Messina il 24 Marzo 1972. Il suo primo romanzo, dal titolo“REWIND” viene pubblicato nel 2002 (collana Orizzonti, Montag Edizioni). Con Delos Digital ha pubblicato, nella collana Senza Sfumature, il racconto erotico M/M “CENTO PASSI” e la trilogia erotica “TRAME CONIUGALI”, di cui il terzo in uscita a maggio 2018. Ha scritto diversi racconti brevi e un romanzo erotico autoprodotto, tra cui “IO SONO VALERIA – UNA PUTTANA”  (Eros Cultura, 2017), e “LUI È INFINITO”, genere narrativa/storie vere (GDS Editrice, febbraio 2018).
La sua scrittura è sempre accompagnata da una nostalgica vena sentimentale figlia di quel crudo guardarsi dentro che ritiene vitale. Dice di sé: “scrivere è l'unico modo che ho per parlare a me stesso senza il bisogno, né il peso, di guardarmi allo specchio; ed è anche il modo migliore per dar voce ai personaggi peggiori, persino di me”.

Pagine autore:
Blog: https://criss.altervista.org
Facebook: Danilo Cristian Runfolo
Twitter: @Il_Pasolino
E-mail: criss@riseup.net


Buongiorno, con “Tregua Coniugale” si conclude la trilogia di “Trame Coniugali”, se avete perso le recensioni dei volumi precedenti, eccole: Intesa coniugale, Tragedia coniugale.

L'autore riesce ancora a stupirmi nonostante nei precedenti libri non si sia risparmiato nella narrazione di eventi, tragedie, tradimenti e soprattutto risvolti psicologici.

In questo terzo volume la storia di Laura e Fabio ha la sua conclusione.

“Poche volte ho letto così tanta rabbia negli occhi di mio marito. Non ci sono abituata, ne sono sconvolta.”

Laura e Fabio si trovano a Recco in Toscana, hanno lasciato la Sicilia, per tentare di ricostruire la loro famiglia, dopo aver superato varie vicissitudini, si ritrovano a un punto morto dove: colpe, tradimenti, cose taciute e rivelazioni fatte da altri, rischiano di compromettere definitivamente il loro rapporto. 

“Continuo a pensare che con mia moglie si sia rotto qualcosa difficilmente riparabile, un piccolo ingranaggio impossibile da sostituire; una ghiera dentata microscopica come quelle degli orologi. Il suo innamoramento per Paolo, l’alcol che torna tra noi, i suoi silenzi, i nostri corpi che smettono di cercarsi, il tempo che passa al locale; enormi distanze di confini interiori.”

Nell'equazione della coppia torna a far la sua comparsa Francesca l'amica e psicologa. 
Lei è quella componente che sa tutto della famiglia senza farne davvero parte; è l'incognita, colei che conosce intimamente i coniugi, diventa una figura necessaria che custodisce i segreti di entrambi e che fa parte di questi segreti. 
Francesca che si impone, in modo silenzioso, in un modo che appare strano ma allo stesso tempo naturale. 

“Credo di aver esagerato col trucco per un’uscita in paese, ma non importa, non si scandalizzerà nessuno. Ho passato una vita intera a trattenere, arginare, controllare desideri e pulsioni, col solo risultato di essermi messa da parte come un abito prezioso per una grande occasione che non arrivava mai, mentre il tempo mi logorava e ingialliva anche l’anima.”

Una coppia, un’amica e un rapporto complicato.

Considerazioni 

Ho atteso questo terzo volume con trepidazione, ero incuriosita da cosa l’autore avrebbe potuto inventarsi per concludere una storia che mi ha stupita sia per i risvolti psicologici che per quelli morali. 
In quest'ultimo capitolo, pensavo non ci fosse più la possibilità di sconvolgermi e invece Runfolo riesce a farlo, ancora, con dei colpi di scena che mi ammutoliscono e lasciano basita. In realtà questi colpi di scena arrivano dopo un susseguirsi di eventi cose dette e indizi seminati, questi elementi mi avevano, forse, anche preparata a queste rivelazioni che comunque giungono come un colpo che mi investe. 
Finalmente capisco il perché delle cose e in un certo senso comprendo determinati atteggiamenti. 

In questo volume i pov sono 3, che si alternano e portano ad avere una visione completa delle persone coinvolte, anche per la narrazione diretta fatta in prima persona. Anche in questo caso i risvolti psicologici sono studiati alla perfezione e la caratterizzazione risulta perfetta.
Le scene sessuali sono sempre esplicite e descritte nei dettagli, le scelte fatte dai personaggi trascendono il normale senso della morale. 
Nella vita, quando si ottiene la dimensione esatta, quando si trova il proprio punto di riferimento, quando finalmente i demoni del passato vengono oscurati, chi può dire cosa è giusto e sbagliato? 
Questo libro ne è la prova, ogni storia è a sé, ogni vita ha il suo percorso.

Faccio nuovamente i complimenti a Runfolo, perché è riuscito a mantenere fermo il punto della situazione, mantenendo alta l'aspettativa senza alterare il modus operandi dei personaggi e riuscendo comunque, ancora, a tenermi incollata alle pagine per scoprire come si sarebbe concluso il tutto.
I complimenti vanno anche alla Delos che ha pubblicato la serie in un tempo record. Solita nota tecnica: la revisione risulta ben fatta, c'è giusto qualche piccolissima svista che però non altera la lettura. 

Mi avvio alla fine consigliandone la lettura a chi ha già letto i precedenti episodi e a chi può essere interessato a un racconto crudo, che parla di quella che potrebbe essere una vita reale, con tutti i risvolti fisici, psicologici ma soprattutto che va a smuovere gli animi per le scelte fatte.

Buona lettura!
Monica S.


Nessun commento:

Posta un commento