BLOG TOUR - 4 TAPPA "Backstage" di Erika Vanzin



Titolo: Backstage
Autore: Erika Vanzin
Serie: Roadies Series (libro auto-conclusivo)
Genere: New Adult Romance (music romance)
Prezzo ebook: 2,99€
Prezzo cartaceo: da definire
Formato: Per Kindle, Kindle Unlimited, cartaceo (è già in prevendita)
Link di Amazon
Link sito della serie

«Sono immune a tutto questo fascino da celebrità.»
«No, non lo sei, ho visto come sbavavi per Damian lì dentro.»
«Solo una pazza non strapperebbe volentieri i vestiti di dosso a tutto quel ben di Dio, ma non per questo non gli pianterei un pugno in faccia quando fa lo stronzo.» 

Lilly è una bassista emergente che sogna di arrivare in cima alle classifiche di tutto il mondo assieme alla sua band. Salire su un palco e suonare la sua musica è tutto ciò che desidera fare nella vita. C’è un’unica cosa che la frena a tal punto da sperare che il suo sogno non si avveri mai: soccombere alla pressione mediatica che deriva dalla popolarità.
Damian è il cantante leader della rock band più famosa al mondo. Lui è abituato a stare in cima alle classifiche e al centro dell’attenzione, sembra nato per essere inseguito dal gossip. Ha un unico scopo nella vita: continuare a vivere immerso nella fama per non tornare alla sua vita precedente.
Damian accetta di stare sotto i riflettori, Lilly li evita scomparendo nell’anonimato.
Lui non è disposto a rinunciare al suo attico a Manhattan, lei è preparata a dividere il microscopico appartamento di Brooklyn con i suoi genitori.
Lui evita a tutti i costi le complicazioni, lei è una che di complicazioni se ne porta dietro tante.
Le loro vite sono totalmente incompatibili ma c’è un unico problema: dovranno condividere mesi di tour con le loro rispettive band.



Ormai è chiaro che Backstage parla di due band, una più famosa, l’altra meno, che viaggiano tra Stati Uniti e Canada per un tour.
Come si spostano tra una città e l’altra? Con un tour bus. Perché non in aereo, visto che una è la band più famosa al mondo e ha Jet privati a disposizione? Perché Simon, bassista dei Jailbirds, è terrorizzato dagli aerei! Non riesce a volare, e quando è costretto a farlo, deve assumere dosi massicce di tranquillanti per non avere attacchi di panico, così usano un tour bus.
Ma di cosa si tratta esattamente? I tour bus sono autobus a uno o due piani convertiti tipo “camper lussuosi”. Dentro a questi bus vengono rimossi tutti i sedili e vengono allestite piccole cucine, zone giorno, spazi ricreativi e anche letti per dormirci. Le band si trasferiscono da una location all’altra usando queste case su ruote, in modo da spostarsi di notte e raggiungere la nuova tappa la mattina successiva.
Il bus dei Red Velvet Courtains (la band esordiente) è più semplice a un solo piano, ha una zona giorno con cucina e divani, un bagno con doccia, quattro letti a castello e una piccola area relax con tv. Quello dei Jailbirds, invece, è molto più lussuoso. Mentre il primo autobus è noleggiato per il tour, il secondo è fatto su misura per la band. È una autobus a due piani con una zona giorno nella parte inferiore con cucina, salottino, bagno e zona con gli strumenti, mentre al piano di sopra ci sono quattro camere con letti più spaziosi di quelli a castello usati nell’altro autobus.
Le due band vivono praticamente in questi due bus per tutta la durata del tour, a parte qualche piccola pausa in albergo quando hanno concerti in città molto vicine o addirittura nella stessa città per più sere.


Numeri del tour:
    • 44 concerti per un totale di 57 giorni “on the road”
    • 4 tour bus (1 Jailbirds, 1 Red Velvet Courtains, 2 per staff e tecnici)
    • 3 diversi allestimenti per i palchi che si alternano, viste le date molto ravvicinate
    • 1 camion con palestra
    • 1 camion con strumenti

Esempio di tour bus usato dalle band:
https://www.villagecoach.com/entertainer-coaches/shocker/

Qui sotto una carrellata dei tour bus più famosi e sfarzosi.




Tappe del Jail tour. Jailbirds + Red Velvet Courtains.

6 aprile, Washington D.C. (Concerto di beneficienza. Solo i Jailbird hanno partecipato)
7 aprile, Orlando, FL
8 aprile, Sunrise, FL
9 aprile, Atlanta, GA
10 aprile, Raleigh, NC
11 aprile, Pittsburg, PA
12 aprile, Cleveland, OH
13 aprile, Uncasville, CT
14 aprile, Detroit, MI
15 aprile, Toronto, Canada
17 aprile, Boston, MA
18 aprile, Philadelphia, PA
20 aprile, Columbus, OH
21 aprile, Nashville, TN
22 aprile, Chicago, IL
23 aprile, Austin, TX
24 aprile, Austin, TX (replica)
25 aprile, Dallas, TX
26 aprile, San Antonio, TX
28 aprile, Pontiac, MI
29 aprile, Toronto, Canada (replica)
30 aprile, Montreal, Canada
2 maggio, Cambridge, MA
4 maggio, Philadelphia, PA (replica)
7 maggio, Concord, NC (Carolina Rebelion, Festival)
10 maggio, Tampa, FL
11 maggio, Nashville, TN (replica)
12 maggio, Columbus, OH (replica)
13 maggio, St. Louis, MO
14 maggio, Chicago, IL (replica)
15 maggio, Somerset, WI
17 maggio, Denver, CO
19 maggio, Phoenix, AZ
20 maggio, Glendale, AZ
22 maggio, San Diego, CA
23 maggio, Inglewood, CA
24 maggio, Sacramento, CA
25 maggio, San Jose, CA
26 maggio, Portland, OR
28 maggio, Vancouver, Canada
29 maggio, Seattle-Tacoma, WA
30 maggio, San Francisco, CA
31 maggio, Anaheim, CA
01 giugno, Los Angeles, CA

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Midnight Sun" di Stephenie Meyer

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE - "Devo essere brava" di Alessandro Q. Ferrari