RECENSIONE IN ANTEPRIMA per "The Next Competitor" di Keira Andrews

Titolo: THE NEXT COMPETITOR
Autrice: Keira Andrews
Editore: Triskell Edizioni
Traduttore: Ciro Di Lella
Genere: MM, Contemporaneo, Sportivo
Formato: Ebook
Prezzo: € 5,99
Data Pubblicazione: 13 Giugno 2019
Protagonisti: Alex e Matt
Pagine: 265 pagine





Come farà Alex a concentrarsi sulle Olimpiadi, se a rischio c’è il suo cuore?
Per arrivare all’oro, il pattinatore Alex Grady deve allenarsi di continuo e con maggior vigore dei suoi avversari. Riuscire a completare un salto quadruplo diventa la sua ossessione e, non avendo filtri tra cervello e bocca, Alex non ha molti amici. Per non parlare di un fidanzato. Cosa importa se è ancora vergine a vent’anni? Le Olimpiadi si tengono solo ogni quattro anni, tutto il resto può aspettare. Le storie d’amore sono sempre troppo complicate e non ha tempo per pensarci.
Il che rende ancora più ridicolo l’interesse che Alex prova per il suo nuovo, noioso compagno di allenamenti, Matt Savelli. Il calmo, razionale “Capitan Cartone” è simpatico, ma, anche se Alex avesse tempo da perdere con l’amore, non è comunque il suo tipo. Eppure, sotto le spoglie da bravo da ragazzo di Matt si nasconde un uomo appassionato e sexy che risveglia in Alex un desiderio che non aveva mai provato prima e che non riesce a rinnegare…


Dopo aver scritto per anni senza aver mai trovato la giusta ispirazione, Keira ha trovato la sua voce nel gay romance, che è diventato poi la sua passione. Scrive storie di genere contemporaneo, storico, paranormal e fantasy. Keira, però, crede fermamente nel lieto fine.



Buongiorno Lettori, oggi vorrei parlarvi del romanzo di Keira Andrews, “The Next Competitor”, una storia d'amore mm contemporanea, con il pattinaggio a livello professionista da farne da sfondo. Un romanzo che vi terrà incollati alle pagine fino alla fine. 

Alex Grady è un ragazzo di vent'anni, un pattinatore professionista che si sta preparando per le Olimpiadi. Quest'ultime sono il suo obiettivo principale, ecco perché un salto quadruplo sembra diventato il suo unico scopo nella vita. Riuscire a vincere l'oro, battere i suoi temuti avversari, dimostrare di essere il migliore. Ecco le sue ossessioni. Ovviamente la sua vita sociale ne risentirà. Anzi probabilmente non ne possiede una da quando ha indossato i pattini la prima volta. Oltre a questo mettiamoci anche il suo carattere spigoloso e scontroso, il suo dire sempre quello che gli passa per la testa senza pensare alle ripercussioni. Insomma un ragazzo molto particolare e difficile.

“Non sono molto amato alla Federazione di pattinaggio su ghiaccio degli Stati Uniti. A essere onesti, parte del problema è la mia tendenza a dire cose... controverse durante le interviste. Mi piace definirmi onesto, ma, come direbbe mia mamma, sembro essere nato senza filtri tra cervello e bocca. Qualche volta l'onestà non paga, specialmente nell'era dei social media, dove ogni singolo commento colorito viene condiviso e dissezionato a morte. Malgrado i miei difetti, il problema è anche l'omofobia”.
Alex non ha alcuna intenzione di avere distrazioni sul suo programma, quindi oltre che stare tutto il giorno sul ghiaccio a provare, mangiare e dormire, non fa molto durante le sue giornate. Quindi oltre a non avere amici, non ha neanche un fidanzato. Infatti è arrivato vergine all'età di vent'anni proprio per questo. Le Olimpiadi si tengono solo ogni quattro anni, tutto il resto può anche aspettare. Arriverà il momento per le storie d’amore.

“Eppure, guardare M&M che fanno il giro della pista mano nella mano, non posso fare a meno di sognare un uomo grande e forte che mi stia accando e mi sollevi quando sto per cadere. Ovviamento non parlo di Matt, mi farebbe addormentare con la sua eterna e noiosa giovinezza, ma comunque...… certo mi piacerebbe avere un fidanzato, ma non ho tempo da perdere. Zilch, nada, niente. Ho già i miei problemi a cui pensare, figurarsi se dovessi pensare a un'altra persona”.
Nonostante tutti i buoni propositi Alex non riesce a capire perché sente un richiamo nei confronti di Matt Savelli, pattinatore artistico di coppia per la nazionale canadese. Matt è il classico bravo ragazzo, silenzioso, giudizioso, muscoloso, insomma una noia mortale per Alex. Quest'ultimo infatti lo ha soprannominato “Capitan Cartone”. Allenandosi nello stesso palazzetto i due si troveranno spesso a provare insieme o si ritroveranno in palestra nello stesso momento. Ovviamente Matt non è assolutamente il tipo di Alex, ma allora perché non riesce proprio a ignorarlo?

“Sì lo ammetto, Matt è sexy. Capitan Cartone è un uomo attraente e, quando mi sorride, non voglio far altro che renderlo ancora più felice e farlo sorridere ancora di più, specialmente quando sorride tanto che gli si formano delle piccole rughe attorno agli occhi e...”
Cosa succederà tra i due? Si lasceranno andare all'attrazione che provano o la rinnegheranno? Riuscirà Alex a vincere l'oro alle Olimpiadi? 
Non mi resta che lasciare a voi il piacere di leggere questo meraviglioso libro e augurarvi Buona Lettura!!!

CONSIDERAZIONI
Avevo già letto altri libri mm ma devo dire che questo mi ha lasciato a bocca aperta. Bellissimo. Una storia d'amore favolosa che mi ha appassionata già dalle prime righe. Alex è un personaggio molto particolare, pieno di insicurezze, che cela dietro il suo carattere scontroso. La sua voglia di dimostrare di essere il migliore. Lo conosceremo sempre meglio anche grazie a Matt. Complimenti all'autrice per questo libro e le emozioni che mi è riuscita a regalarmi.

Per la parte più tecnica il libro è scritto in prima persona, sarà infatti Alex a raccontarci questa storia. Non ho trovato errori grammaticali e di scrittura, quindi i miei complimenti anche al traduttore e all'editing. Le descrizioni sono state esaustive, infatti grazie a questo libro ho scoperto molto anche sul pattinaggio. 
Volevo lasciarvi con una frase che mi ha colpito molto, perché non sempre quello che crediamo di volere è in realtà quello di cui abbiamo bisogno...
“Ottenere quel che volevo non mi ha mai fatto così male”. 
Buona Lettura!!!



Nessun commento:

Posta un commento