REVIEW PARTY - RECENSIONE - "Miss Pride" di Charlotte Lays

Titolo: Miss Pride
Autore: Charlotte Lays
Editore: Self publishing
Genere: contemporary romance
Uscita Cartaceo:  2 maggio
Uscita digitale: 9 maggio
Prezzo ebook: €2.99
Serie: Ny Sinners
#1 Lady O
#2 Miss Oro Nero
#3 Miss Pride
Recensione di Monica S.



Miss Pride, Luise, Louisy, Anchovina... Tanti nomi quante le maschere da indossare per una sola donna, una sola anima nascosta e impenetrabile.

Impossibile raggiungerla, inevitabile perderla.

Perché per lei legarsi a qualcuno è impensabile: l’arto fantasma che è il suo cuore si ribella. Le Cosmo Girls sono le uniche a conoscere il suo segreto, ma è un solo uomo quello in grado di scalfire la sua corazza. Distante, ormai, lontano. Leone vive addirittura in un altro continente e la odia. Ed è giusto così.

Quando i suoi zii muoiono, tuttavia, Luise è costretta a fare ritorno a Santomotto, un piccolo borgo in Toscana. È straziante per lei il pensiero di non aver potuto salutare un’ultima volta le persone che di fatto hanno sempre sostituito i suoi genitori, ma non è solo per questo che il viaggio verso l’Italia la spezza. 

Assieme alle lacrime, infatti, arrivano i pensieri, i ricordi, un’infanzia dimenticata, un’adolescenza cancellata a forza.

Leone, il suo primo e unico amore, ora non è più lo spettro che vive tra le rovine del suo cuore. È reale, bellissimo e intoccabile. E furioso. Perché lei lo ha lasciato, abbandonato, deriso, gettandolo in una spirale di menzogne.

Ragione e sentimento, orgoglio e pregiudizio: quanti assalti può sopportare un cuore prima di cedere e dichiarare la resa incondizionata?

Buongiorno a tutti,
Partecipiamo al Review party per l'uscita di "Miss Pride", terzo volume autoconclusivo della serie NY Sinners di Charlotte Lays che ci ha fornito il file per la lettura.

Luise  è un'artista, che vive e lavora a New York dove ha ormai messo radici e dove rende impossibile la vita al suo agente. Un'attrice brava e bellissima ma estremamente cinica e distaccata, nulla sembra attrarre la sua attenzione se non per brevi periodi. Nessuno la conosce se non pochissimi fortunati e la sua stessa famiglia non ha legami con lei. Una telefonata la riporta con prepotenza al passato e in Italia, luogo in cui passava le estati e che l'ha vista bambina e poi adolescente in tutta la sua vera spontaneità. 


"Ogni volta che penso alle anime gemelle, penso a loro; il dolore diventa come l’ebbrezza che rende folli senza però condurre alla pazzia."

Questo ritorno in Toscana la segna e la porta ad affrontare le sue paure, le menzogne e a dover scavare nelle cicatrici che lei stessa si è procurata con una scelta difficile che le è stata imposta da una promessa.

"L’addio è quell’attimo in cui qualcuno stritola il tuo cuore e sei cosciente che quando lo lascerà, farà ancora più male. E nessuno è mai pronto a vivere con la poltiglia nel petto."

Ad attenderla a Santomotto un intero paese che la guarda con diffidenza e soprattutto lui, Leone. Il suo compagno di giochi, il migliore amico e colui che le ha insegnato la libertà ma a cui lei ha voltato le spalle, lasciandolo solo e senza speranze.

"Pochi istanti che mi servono per assorbire il colpo di un altro pezzo di me che se ne va, che vivrà solo nei ricordi che mi stanno dilaniando da quando ho messo piede in Italia."

Un passato sereno che è stato macchiato dalle menzogne, un presente triste che richiede tutta l'attenzione di Luise e un futuro incerto dove nulla sembra poterle ridare se stessa. In tutto questo una lotta tra cuore e ragione, uno scontro costante tra la volontà dei due protagonisti che non vogliono o non possono fidarsi.

Considerazioni

Una storia contemporanea che vede i protagonisti commettere errori, scontarne i rimorsi e patire di rimpianti. Sentimenti forti a far da sfondo, due facce della stessa medaglia: amore e odio.
La narrazione è in prima persona al presente e i pov si alternano in un quadro completo delle scene e delle dinamiche.
Una storia che ha un po' del jet set per via della carriera di Louise ma estremamente nostrano, per l'ambientazione in un piccolo paese italiano e per la riconoscibilità dei modi di dire e le usanze che ci appartengono. 
Un percorso contorto tra la psiche dei personaggi che non permettono a cuore e ragione di entrare in sintonia. Un intrigo interessante che li vede dire delle cose mentre pensano il contrario. Una caratterizzazione che li rende molto umani e in cui è facile trovare una sintonia.
Il peso delle menzogne e le conseguenze che queste hanno avuto su tutte le persone coinvolte, Charlotte Lays non ha avuto timore di "macchiare" i suoi personaggi e di non renderli perfetti. Li ha, anzi, fatti sbagliare, soffrire e li ha fatti irragionevoli per via dei malintesi e dell'orgoglio smisurato.
Mi piace questa cosa perché li ha  resi pieni di sfaccettature e pronti a cambiare in base alla situazione che dovevano affrontare.

"Il suo abbraccio è un bozzolo che mi avvolge anima e cuore. Un cuore che inizia a palpitare come se ritrovasse il suo posto nel mondo. È troppo. Le mie difese si abbassano del tutto. Sono nuda. Inerme. Rotta. Eppure, proprio perché ridotta in questo stato, mi sento intera, me stessa in ogni frammento che Leone sta tenendo insieme con la sua sola presenza."

Una bella prova di scrittura dove i dialoghi si mescolano tra italiano e americano con siparietti esilaranti e qualche malinteso imbarazzante.
I personaggi attraverso i ricordi si svelano piano piano e rivelano cosa è realmente accaduto.
Buona la caratterizzazione e la crescita che hanno, un'evoluzione che non ne muta i lati spigolosi del carattere ma fa sì che si incastrino tra loro in un delizioso puzzle che fa sospirare.
Belle e dettagliate le descrizioni dei luoghi e la forza delle emozioni. Anche le scene sessuali hanno un forte impatto a livello sensoriale, senza eccedere in descrizioni.
Ottimo il lavoro di revisione che mi ha permesso di avere un file perfetto sotto ogni punto.

Faccio i complimenti a Charlotte Lays e corro a leggere gli altri della serie, ebbene sì, io li leggo sparsi se sono autoconclusivi :)

Un libro che consiglio a tutti coloro che cercano una storia contemporanea, entusiasmante che emoziona e regala delle belle risate ma non trascura l'attrazione e la fisicità.

Buona lettura!
Monica S.

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Le possibilità sospese" di Valentina Piazza

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Sergio" di Natasha Knight

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Il sorriso di Jesse" di Angelique Jurd