REVIEW PARTY - RECENSIONE "Partita doppia" di Bianca Ferrari


Titolo: Partita Doppia
Autore:  Bianca Ferrari
Formato: Ebook / Cartaceo
Prezzo: 2.99 / 15.00
Genere: Contemporary romance
Editore: Les Flàneurs Edizioni
Data pubblicazione: 28 Marzo 2019
Pagine: 296
Serie: Double Trouble Series #1





Cinnamon Miller ha portato con sé a Chicago un'educazione severa, una solida morale e il desiderio di trovare lavoro per contribuire all’economia della famiglia che ha lasciato a Wildrose.
Ma la grande città può fare paura se hai solo vent’anni e nessuna esperienza del mondo. Se per tutta la vita hai solo sognato l’amore, leggendolo sui libri, e non sai quanto possa fare male.
I fratelli Cavendish, invece, Chicago vorrebbero possederla. Dall’alto del loro attico, si affacciano sulle luci della città che stanno pian piano conquistando.
Caleb vive la vita un giorno alla volta, una donna ogni notte, nessun legame. L’unica persona per la quale darebbe la vita è suo fratello Abel, che sogna di viaggiare zaino in spalla e chitarra in mano. Ma che rimane. Perché è l’unico capace di mantenere l’equilibrio di Caleb e di impedirgli di ripiombare nel baratro.
Un colloquio di lavoro, una scommessa, la caccia di una preda facile.
Un triangolo iniziato per gioco, senza pensare che alla fine ci sarà un solo vincitore. Ma chi arriva ultimo, stavolta, potrebbe perdere qualcosa in più che del puro e semplice sesso.
Due fratelli e una sola… Partita Doppia.


Bentrovate Chiacchierine, oggi sono qui per parlavi di Partita Doppia di Bianca Ferrari, edito Les Flâneurs Edizioni. Un romanzo che mi ha colpito fin dalla trama e anche dalla cover così particolare e personale (non so se lo sapete, ma la foto l’ha scattata proprio l’autrice e le mani presenti in copertina sono quelle del marito!! Non c’è niente di più romantico!)
Ma torniamo alla recensione…
Cinnamon Miller è una ragazza di campagna, cresciuta nella cittadina di Wildrose insieme ai genitori e i suoi quattro fratelli: Lilac, Ocean e River (i gemelli) e Lavender. La sua vita è sempre stata scandita da regole ferree e da sani principi. La ragazza si è limitata molto, non ha mai trasgredito una sola volta in tutta la sua esistenza, soprattutto con gli uomini. La sua visione dell’amore si può definire fiabesca, è alla ricerca del principe azzurro, ma pare che il destino non sia proprio d’accordo con lei.

Si capiva lontano un miglio che era una ragazzina pudica e repressa. E lo sarebbe rimasta, fintanto che lui non ci avesse messo le mani sopra. Tutta la tenerezza che poteva provare per la sua ingenuità non era abbastanza per superare la sua voglia di giocare.

Per poter trovare lavoro, sfruttare la sua laurea in economia e poter aiutare i genitori a mantenere la famiglia, Cinnamon decide di abbandonare il suo porto sicuro e trasferirsi in città, a Chicago.
Capisce subito di non essere parte di quel mondo strampalato, dove la gente pare ignorarla e trattarla come una pezzente campagnola. Ma proprio quando ormai sta perdendo le speranze, ecco che trova la sua salvezza in due giovani fratelli: Abel e Caleb Cavendish.

Quando aveva visto i fratelli Cavendish, invece, le erano subito sembrati due personaggi epici e non era solo per la loro evidente e persino eccessiva bellezza. Era un insieme di portamento, sicurezza di sé, forza e virilità, per quanto riguardava Caleb, e di solidità, dolcezza, fascino e delicata mascolinità per Abel.

Il primo incontro tra i tre non è sicuramente stato il più convenzionale. Cinnamon si trova nell’ennesima agenzia per il lavoro quando si scontra letteralmente con i dirigenti della più importante società d’investimenti della città, la Broker Bross.

«Ehi, bambolina, arrivi direttamente dall’Ottocento o sei una di quelle... come si chiamano, fratello? Mormoni?»
Si alzò in piedi stizzita e si ritrovò di fronte al petto di quel ricco cafone, che torreggiava su di lei con la sua statura.
«Non ti hanno insegnato a trattare bene le donne? Credi che l’avere degli abiti alla moda e un bel sorriso ti dia il diritto di prendermi in giro, solo perché non faccio i miei acquisti in boutique costose?»
«CC, ne hai trovata una che morde!»

La sua lingua lunga e la sua capacità di tenere testa a due titani come loro non la fanno passare inosservata al punto che decidono di assumerla nella loro società come stagista. Per Cinnamon è un sogno a occhi aperti, non si aspettava di trovare un lavoro e farlo in un luogo così prestigioso come la BB le ridona fiducia.
Peccato che i due fratelli abbiano altri piani in testa.


«Sarà una bella preda».
«La mia preda, però».
«Non fare l’egoista, possiamo dividercela». Caleb ribaltò la situazione, sciogliendo l’abbraccio del fratello per portarsi vicino a lui e sussurrargli: «Non sarebbe la prima volta».
«L’ho scelta io».
«Beh, non puoi certo fermarmi, se decido di averla. E se non vuoi condividerla, vuol dire che sarà solo mia».
«Chi ti dice che le piacciano gli arroganti come te? Può essere che prediliga il genere “bravo ragazzo”, sono in molte ad amare i miei modi affabili».
«Dici che è vergine?», gli chiese Caleb, aggrottando le sopracciglia.
Abel scoppiò a ridere. «Ci metterei la mano sul fuoco».
«Scommetto che me la porto a letto prima io».
«Non si scommette sulle donne… Papà non vorrebbe».

Tutto nasce da una scommessa, un’innocua scommessa su chi dei due fratelli riuscirà a portarsela a letto per primo, ma le cose non andranno proprio come vorranno loro.

Cinnamon non è la classica sgualdrinella a cui sono abituati, pronta a inginocchiarsi ai loro piedi pur di farsi vedere insieme ai fratelli Cavendish. La ragazza sconvolge le loro esistenze più di quanto siano pronti ad ammettere e così inizia un pericoloso gioco di seduzione e passione.
Chi dei due fratelli riuscirà a far crollare i muri di Cinnamon? E cosa accadrà quando anche i loro muri crolleranno a picco a causa sua?
Ma non ci sarà solamente la scommessa a sconvolgere la vita di Cinnamon. Un segreto, molto più grande di lei, la porta a indagare sulla persona sbagliata e questo la mette nel suo mirino, facendole rischiare molto più di un cuore spezzato.
Partita Doppia è un romanzo seducente, intrigante, che ti tiene con il naso incollato alle pagine per scoprire chi dei due uomini impossibile avrà la meglio e soprattutto se Cinnamon Miller riuscirà finalmente a lasciarsi andare.
I personaggi sono caratterizzati alla perfezione. Percepivo i loro drammi sulla pelle, l’insicurezza e i dubbi di Cinnamon come fossero miei e dire che mi stava facendo impazzire è un eufemismo.
Quella ragazza è snervante, faticosa da sopportare, ma questo non significa che non mi sia piaciuta, tutt’altro. L’ ho trovata reale, pura, con i drammi e le paturnie mentali di una giovane ragazza di campagna che non ha mai vissuto realmente. Dopotutto si è ritrovata a nuotare con degli squali abituati ad azzannare le loro prede come fossero caramelle, sfido chiunque a mantenere raziocinio e lucidità.

La solida e virile dolcezza di Abel e la ruvida e aggressiva passione di Caleb le erano entrate sottopelle, rendendola dipendente dalle intense emozioni che le provocavano.

Per quanto riguarda i due fratelli io ho adorato Caleb, il dannato, il problematico. Abel era troppo perfetto ai miei occhi, il buono della situazione, che fa sempre la scelta giusta, ma che, come il fratello, ha scommesso sulla verginità di una ragazza sprovveduta.
Non sono da dimenticare i personaggi secondari, come Zakilya, Mary, i fratelli di Cinnamon e i suoi coinquilini, e Louis… Penso che un personaggio più viscido Bianca non poteva crearlo.
Che dire di più?
Questo romanzo mi ha coinvolta fin dalla prima pagina nonostante fosse in terza persona (non vado molto d’accordo con questa prospettiva). Ogni volta che potevo lo leggevo perché non riuscivo a farne a meno.
Bianca ha un modo di scrivere coinvolgente e l’ho apprezzato davvero molto.
Ora non devo far altro che aspettare il sequel perché il finale ragazzi…da strapparsi i capelli! Ma da Cinnamon non ci si poteva aspettare altro.
Concludo consigliando questo romanzo agli amanti delle sfide, gli intrighi, la passione travolgente ed estenuante. Merita davvero il vostro tempo.

«Sarai mia?».
«Sarò tutto ciò che vuoi».


1 commento: