RECENSIONE " Piccola Cenerentola - Ossessione d'amore" di Vanessa Vescera

Titolo: Piccola Cenerentola - ossessione d'amore
Autore: Vanessa Vescera
Editore: Butterfly Edizioni
Genere: chick-lit
Collana: Digital Emotions
Formato: ebook e cartaceo
Data di uscita ebook: 23 maggio 2018
Data di uscita cartaceo: 20 giugno 2018
Prezzo ebook: 2,99 € 
Disponibile su Amazon e Kindle Unlimited
Monica, affascinata da sempre dalla fiaba di Cenerentola, ne desidera una tutta sua. Memore del suo giuramento fatto da bambina, quando lasciava le sue scarpette sparse per Palermo nella speranza che il principe azzurro le trovasse per fargliele calzare; quando si imbatte in un libro di poesie con appuntato solo un nome, Brian Ferrari, decide di assecondare il destino. Arrivata a Bologna per lavorare e sfortunata sia in amore che negli affari, combina guai uno dietro l’altro, ma non si arrende e decide di inseguire il suo folle e ossessivo sogno d'amore. A questo punto, per cercare lo sconosciuto, solo la fata Madrina può salvarla ma se, invece di essere un'anziana signora, fosse un uomo affascinante con occhi blu cobalto da mozzare il fiato?
Questa è la fiaba moderna di una principessa e del suo principe che non indossa un mantello azzurro ma, in borghese, se ne sta al suo fianco lasciandola sbagliare, perché l'amore non deve mai essere rimpianto.
Buongiorno Lettori,
Rieccomi questa volta con una commedia romantica, si tratta di "Piccola Cenerentola - Ossessione d'amore" di Vanessa Vescera, edito Buttefly Edizioni.
È una storia divertente, mi ha fatto ridere e piangere, ma giusto una lacrimuccia eh. Che ci posso fare, certe situazioni mi emozionano 😝.

La protagonista Monica, è un personaggio particolare, che vive ancora nelle fiabe. Da piccola lasciava in giro per la città delle scarpe, ma non di cristallo ovviamente, nella speranza che un giorno il principe azzurro l'avrebbe trovata come nella fiaba. Crescendo, capisce che con le scarpe non funziona e allora si promette che qualora avesse trovato un oggetto smarrito del suo possibile principe, avrebbe fatto di tutto per trovarlo. Insomma, i ruoli si invertono.
Laureata in arredamento interni a Palermo, decide di trasferirsi a Bologna per lavoro. Non può che essere un inizio peggiore: licenziata il primo giorno. Non può tornare con la coda tra le gambe a casa rimangiandosi quello che aveva promesso ai suoi: "Un giorno tutta Palermo parlerà di me e sarete orgogliosi". Perciò, non le rimane altro che rimboccarsi le maniche e trovare un altro lavoro, e nel frattempo la ricerca del suo Brain continua. Ma chi è costui?
Brain Ferrari è solo un nome impresso su un libro di poesie che lei ha trovato in aereo mentre andava a Bologna. Questo non può che essere un segno del destino. Quindi concentra tutte le sue energie alla ricerca del suo principe. Tra coincidenze inaspettate e piccoli incidenti, riuscirà nell'impresa la nostra piccola Cenerentola? È così ossessionata da Brain che non si accorge che potrebbe essere lì accanto a lei anche se non ha lo stesso nome.

Considerazioni
La protagonista non è per niente nelle mie corde e infatti mi stava antipatica per la maggior parte della lettura. 
Lei è la classica ragazza ingenua e innocente che vuole cambiare vita scappando dalla realtà che la limita. Scappare dai propri genitori che sono troppo protettivi e anche di mentalità chiusa.
La scrittura è scorrevole e lo stile semplice. Alcune scene le ho trovate esagerate. Ma d'altronde di cosa mi stupisco, stiamo parlando di una che insegue il "non esistente" principe azzurro. A parte il mio umorismo "bulgaro", credo che l'autrice poteva limare la "sfigataggine" (sfortuna) della protagonista e limitare magari certe acrobazie in pubblico XD. Non mi dilungo oltre per non farvi spoiler. Oltre a questo la storia è piacevole, ti fa divagare un pò dalla realtà. Anche se si parla di principi azzurri, l'autrice vuole traslarlo al mondo moderno e trarne un messaggio.

Qui sotto vi riporto il riassunto di come li chiama lei "Vaneggiamenti di una piccola Cenerentola" 

Ho sempre immaginato che l’amore dovesse essere una fiaba. Poi cresci, diventi donna e nel cuore hai la speranza che la tua vita sia come una fiaba, che il destino abbia in serbo per te qualcosa di speciale. Accecate dal bisogno d’amore, vero e incondizionato, perdiamo i contorni con la realtà e ci ostiniamo a raggiungere il nostro obiettivo senza guardarci intorno. Siamo donne, restiamo eterne bambine, eterne principesse alla ricerca dell’uomo che ci faccia battere il cuore a ogni risveglio, che ci faccia brillare gli occhi come stelle sul cielo scuro della realtà. Poi succede che sottovalutiamo chi abbiamo al nostro fianco, non lo scorgiamo, accecate da un sogno. Arrivi al punto che ti rendi conto che la fiaba non finisce con “il vissero felici e contenti” ma inizia proprio da quel finale, che non è il raggiungimento di un sogno ma lo sviluppo di una tela più complessa e colorata chiamata AMORE. 

Consiglio la lettura a chi vuole trascorrere un paio d'ore in compagnia di un romanzo divertente e ovviamente a chi crede nei principi azzurri.


P.s. Grazie a Argeta Brozi che ci ha mandato il cartaceo e ovviamente faremo un bel giveaway insieme agli altri cartacei della stessa CE perciò seguiteci.

Buona lettura,
XoXo
Jenny


Commenti

Post popolari in questo blog

REVIEW PARTY - RECENSIONE - "In-Moral" di Naike Ror

REVIEW PARTY - RECENSIONE - "La sua tentazione" di Isabella Starling

RECENSIONE + GIVEAWAY - "La ragazza del faro" di Alessia Coppola