RECENSIONE "Inferno" di Evelyn Storm

Titolo: Inferno 
Autrice: Evelyn Storm 
Editore: Self 
Genere: Young Adult, Romance 
Formato: ebook / cartaceo 
Prezzo: € 0,99 / € 7,17 
Data Pubblicazione: 04 febbraio 2019 
Pagine: 102 pagine 


NON C'E' SALVEZZA, NON C'E' RITORNO. C'E' DOLORE, QUELLO VERO, QUELLO COSI' POTENTE DA PIEGARTI E SOTTOMETTERTI. QUELLO CHE TI CONDUCE ALL'INFERNO, SENZA POSSIBILITA' DI REDENZIONE. Mia è solo una bambina quando incontra Erik, trasferitosi in Italia dalla Danimarca a causa del lavoro del padre. I due si ritrovano così a vivere una profonda amicizia, fino a quando Erik, crescendo, diventa l'ossessione di ogni ragazza. Ma anche a Mia il cuore comincia a battere e, da quel momento, non ha più pace, dato che non può resistergli. Lui la tormenta, potrebbe farle fare qualsiasi cosa. E lei lo asseconda, perché follemente innamorata, malgrado la maturità imminente che dovrebbe concentrare tutti i suoi sforzi. Intanto il suo profondo desiderio per il ragazzo trova appagamento, ma per "l'amico" è solo sesso. Mia ce la mette tutta per allontanarlo, ma la sua pena non si placa, anzi, perché ormai le ha fatto perdere la testa e le ha rapito il cuore. Erik è la sua disperazione, quella che letteralmente la consuma e la perseguita. Erik è l'inferno. 

Buongiorno Lettori,
oggi vorrei parlarvi di un romanzo che narra la storia d'amore e d'amicizia tra due ragazzi, nel pieno dell'adolescenza, e del loro inferno personale. Conosciamo meglio la trama: Mia, una ragazza diciannovenne, quando era ancora una bambina incontra Erik, ragazzo danese trasferitosi dalla Danimarca all'Italia a causa del lavoro del padre. Questo ragazzo si trasferirà nella stessa strada di Mia. Tra i due si instaurerà una forte amicizia, tanto da renderli inseparabili, si conoscono alla perfezione tanto che basta un solo sguardo per capire che l'altro ha un problema o un qualche pensiero. Tutto procede alla perfezione, fino a quando, crescendo, Erik comincia a rendersi conto di essere diventato irresistibile per tutto il genere femminile. Infatti già solo la sua nazionalità natale attira le ragazze, per non parlare dei suoi capelli castano scuro, gli occhi di cristallo, labbra carnose, inoltre è intelligente, un carattere forte e un fascino da far sbavare tutte le ragazze nel suo raggio d'azione. Proprio tutte, Mia inclusa. Purtroppo però, più Erik assume consapevolezza, più si allontana da Mia e più si allontana, più Mia si ritrova a pensare a lui. Si scopre innamorata del suo migliore amico e sarà per lei l'inizio della fine.

"Non esiste l'uomo perfetto, ora lo so. Ma allora, quando ero solo una bambina, pensavo che la persona di sesso maschile che più si avvicinava all'essere favoloso fosse lui, il mio migliore amico". 

Erik proprio per levarsi di torno qualche ragazza troppo appiccicosa, chiederà spesso a Mia di aiutarlo. Lei ovviamente non riuscirà a dirgli di no, e si ritroverà a soffrire ancora di più. Finchè un giorno tra i due accade qualcosa, l'inevitabile data l'attrazione tra loro, ma se da una parte c'è Mia innamorata, dall'altra per Erik sarà solo ed esclusivamente sesso tra due amici. Tutto questo metterà in crisi il loro rapporto e li farà allontare.

"Credo che sia la scelta più difficile della mia vita. Ma devo farla, per me e per il mio amor proprio. Per troppo tempo mi sono lasciata plagiare e manovrare". 

Riusciranno i nostri protagonisti a stare insieme? Mia riuscirà a vivere questa tanto agoniata storia d'amore o Erik si tirerà indietro? Riuscirà ad uscire da questo inferno? Non mi resta che lasciare a voi il piacere di leggere questo romanzo e augurarvi Buona Lettura! 

CONSIDERAZIONI:
Nonostante la trama inizialmente promettente, in realtà, non mi ha convinto del tutto. Purtroppo è carente di dettagli e descrizioni, sappiamo ben poco dei due personaggi (chi sono, caratteristiche caratteriali, dove vivono, ecc.) inoltre spesso cambiano totalmente idea nell'arco di una o due pagine. I personaggi secondari sono praticamente inesistenti e nei rari casi in cui li incontriamo non si sa nulla su di loro se non qualche piccolo accenno, come se non bastasse gli archi temporali volano di settimane, mesi e anni, senza farci sapere cosa succede ai protagonisti in questo lasso di tempo. Peccato davvero, perchè il libro è molto scorrevole, l'autrice ha una scrittura molto fluida ed il romanzo si legge bene e non contiene errori particolarmente gravi.
A livello stilistico il libro è scritto in prima persona, sarà infatti la voce della nostra protagonista Mia a narrarci la storia. Evelyn mi dispiace non essere riuscita ad apprezzare al meglio la tua storia, speriamo nella prossima. A presto. 

Buona lettura!

Commenti

Post popolari in questo blog

REVIEW PARTY - RECENSIONE - "In-Moral" di Naike Ror

REVIEW PARTY - RECENSIONE - "La sua tentazione" di Isabella Starling

RECENSIONE + GIVEAWAY - "La ragazza del faro" di Alessia Coppola