REVIEW PARTY - RECENSIONE "Salvatore" di Natasha Knight

TITOLO: Salvatore
TITOLO ORIGINALE: Salvatore
AUTRICE: Natasha Knight
TRADUZIONE: Francesca Giraudo
AMBIENTAZIONE: New Jersey
COVER ARTIST: Mayhem Cover Creation
SERIE: Benedetti Brothers #1
GENERE: Mafia Romance
FORMATO: E-book (Mobi, Epub, Pdf) e cartaceo
PAGINE: 332
PREZZO: € 4,49 (e-book) su Amazon, Kobo, iTunes, Google Play, Store QE
DATA DI USCITA: 6 febbraio 2019



Lucia 
Tutto ha avuto inizio con un contratto firmato prima da lui e poi da me, sotto lo sguardo delle nostre famiglie. Con mio padre che, seduto in silenzio, sconfitto, dava sua figlia ai mostri della famiglia Benedetti. Ho obbedito. Ho recitato la mia parte. Ho firmato e ho regalato la mia vita. Sono diventata un trofeo in carne e ossa, un simbolo costante del loro potere su di noi. Tutto questo è successo cinque anni fa. Poi è arrivato il momento in cui mi ha reclamato. È arrivato il momento per Salvatore Benedetti di possedermi. Ho giurato vendetta. Ho imparato cos’è l’odio, eppure niente avrebbe potuto prepararmi per l’uomo che avrebbe controllato la mia vita. Mi ero aspettata un mostro, uno che avrei voluto distruggere. Ma nulla è mai bianco o nero. Nessuno è mai santo o diavolo. Nonostante i suoi lati oscuri, ho visto la sua luce. Per ogni sua azione negativa, ne ho vista una positiva. Anche se lui aveva fatto di tutto per farsi odiare da me, una passione più calda dell’inferno ha iniziato a bruciare dentro di me. Ero sua, e lui era mio. Il mio mostro. Solo mio.

Salvatore 
Possedevo la principessa della famiglia mafiosa DeMarco. Apparteneva a me. Avevamo vinto, e loro perso. E quale modo migliore potevamo trovare per dare loro una lezione, se non quello di togliere loro ciò che avevano di più prezioso? Di più caro? Io sarei diventato il re. Ero il primo in linea di successione per governare la famiglia Benedetti. Lucia DeMarco era il bottino di guerra. Il mio bottino di guerra e potevo farci quello che volevo. Il mio dovere era spezzarla. Trasformare la sua vita in un inferno. La mia anima era oscura ed ero legato all’inferno. Non avevo via d’uscita, non c’era per nessuno di noi due. Perché la famiglia Benedetti non perde mai, e ovunque siamo passati, abbiamo solo lasciato una scia di distruzione. Era sempre stato così. E così credevo sarebbe sempre stato. Fino a Lucia.


Buongiorno Librose, oggi sono qui per parlarvi dell'ultimo Mafia Romance targato Quixote Edizioni. Sto parlando della Serie "Benedetti Brothers" di Natasha Knight, già molto nota oltreoceano.
Il primo Vol. è Salvatore, primo dei fratelli Benedetti in ordine di successione.

Salvatore non è nato e cresciuto per essere il capo mafioso della famiglia Benedetti, no lui ci si è trovato messo lì con forza dal padre dopo che Sergio, primogenito della famiglia Benedetti, viene assassinato. La famiglia Benedetti è una delle più importanti famiglie mafiose approdata in America, controlla tutto il territorio e ne fa da padrone, nemici della famiglia sono i DeMarco anche loro mafiosi di origine italiana come loro. Dopo diatribe che durano da anni e generazioni, la famiglia Benedetti ora ha in pugno il suo nemico storico, e cosa c'è di più umiliante e schiacciante per una famiglia se non strappargli via il loro bene più prezioso? Lucia, secondogenita della famiglia DeMarco, ancora pura e casta che tramite un accordo sancito dalle famiglie viene ceduta come bottino di guerra a soli 17 anni. Lucia, da quel momento vivrà per 5 anni in un collegio di suore, lontano dagli affetti e quasi in isolamento. In tutto questo perioso l'unico pensiero di Lucia è stato uno. Premeditare Vendetta e far accrescere il suo odio. Verso la sua famiglia che l'ha tradita ma soprattutto verso la famiglia Benedetti che ha causato tutto questo.

Salvatore non è esattamente il mafioso che ci aspetteremo. A differenza di suo padre e suo fratello minore Dominic, la crudeltà non fa parte della sua indole se non quando è strettamente necessaria. Salvatore vede per la prima volta Lucia nel momento della firma del contratto, la sua innocenza e i suoi occhi impauriti hanno scavato dentro di lui qualcosa nel momento stesso in cui lei posando gli occhi su di lui ha implorato il suo aiuto, e lui non ha potuto farci niente se non distogliere lo sguardo. Schiacciato da un ruolo e un impegno che il padre e tutta la famiglia mafiosa si aspettano da lui. Salvatore si sente quasi un burattino nelle mani del padre. Combattuto tra la voglia di essere all'altezza e renderlo fiero di lui e quella di scappare ed estraniarsi da tutto ciò che sono e da quel ruolo che non ha chiesto e mai voluto. Eppure va avanti perché sa che se il ruolo cadesse nelle mani avide e sadiche del fratello, che ambisce al suo potere tramando alle sue spalle, si scatenerebbe una vera e propria faida di sangue e crudeltà.

"Tutto il sesso e l'alcol del mondo non sarebbero stati in grado di bruciare quell'immagine nella mia mente, e forse me lo meritavo. Meritavo di sentirmi in colpa. Avrei dovuto essere così uomo da farmene carico. Dopottutto, avevo lasciato che le succedesse tutto quello. Ero rimasto lì, in piedi, e non avevo fatto nulla. E adesso, lei era mia e io ero suo. Il suo mostro. Solo Suo."

Salvatore e Lucia si ritrovano legati da un destino che non hanno chiesto ma dal quale sanno non potranno mai sottrarsi. All'inizio si combattono, si odiano e fanno di tutto, soprattutto Lucia, per rendere le cose più difficili, finché finalmente capiscono che l'unico modo per sopravvivere è allearsi. Ma come fidarsi realmente l'uno dell'altra? Chi sa veramente quale è il nemico e quale l'amico fidato? Quali sono i buoni e giusti e chi invece è solo un traditore ancora legato a una guerra che non avrà mai fine. 

"Possedevo Lucia DeMarco, ma il solo pensiero mi faceva star male. Lei era il simbolo, il trofeo vivente, in carne e ossa, del trionfo della mia famiglia sulla sua."

L'attrazione tra i due è qualcosa che non si può negare. Sono legati dal primo sguardo e questo rende tutto ancora più difficile. Le scene tra loro sono sempre ad alto tasso erotico, mai pesanti ma spesso forti e senza pudore. Come un romanzo del genere richiede. La dolcezza e l'animo buono di Salvatore si scontra spesso con la sua mascolinità, è un uomo Alfa a tutti gli effetti ma con un cuore morbido, spesso nei confronti di Lucia, che non perde occasione per sfidarlo e portarlo allo stremo.

"Troppo in fretta Lucia stava diventando una debolezza. La mia debolezza, e dovevo fermare subito questa cosa. Lo avrei fatto sul serio, quando sarebbe arrivato il momento l'avrei liberata dal contratto. E lei non si sarebbe guardata indietro. Il miglior modo per rendere tutto quello fattibile era fare lo stronzo."

Sarà una dura battaglia tra i due, tra colpi di scena e scene passionali. Ogni volta che i due fanno un passo avanti c'è sempre qualcosa che li riporta indietro diffidenti, nei confronti loro o delle loro famiglie. Fino all'ultimo non si capiranno bene i meccanismi e i collegamenti tra queste ultime, che spesso sembrano più legate tra di loro, tra segreti e vendette, di quanto si pensi. Ma non voglio svelarvi di più perciò non posso che consigliarlo specie a chi ama il genere, non ve ne pentirete, ve lo assicuro! ;)



Nessun commento:

Posta un commento