RECENSIONE "Semplice come fare le scelte sbagliate" di Stefania Da Forno

Titolo: Semplice come fare le scelte sbagliate
Autore: Stefania Da Forno
Editore: Delrai Edizioni
Genere: Romance
Data Pubblicazione: 25 Ottobre
Formato: ebook e cartaceo
Prezzo: 3,99 €/ 16,50 €
Pagine: 368




Cercare la perfezione era una battaglia persa; troppe delusioni, troppi sbagli. In una città così ricca di scelte era più facile fare quella sbagliata, piuttosto che quella giusta. Perciò, dopo lunghe riflessioni, avevo deciso di accontentarmi e non cercare più il meglio, l’uomo che sarebbe arrivato al gradino più alto. Bastava che fosse appena divertente, abbastanza carino ed educato a sufficienza per frequentarlo. Fino a quel momento, però, non avevo trovato nessuno con quelle caratteristiche. Dannata sfortuna. Mackenzie è un avvocato di successo alla ricerca del vero amore. Ormai però sembra aver perso le speranze. Il principe azzurro non esiste e la vita è difficile, soprattutto perché i rapporti uomo-donna non sono mai facili come sembrano. Gli uomini sono bugiardi, spesso interessati soltanto a storie passeggere e poco inclini all’impegno, disattenti anche quando affrontano un discorso dei più semplici. Perciò Mac si odia quando prova un’improvvisa attrazione per l’ultimo uomo verso credeva di poterla provare, conosciuto all’addio al nubilato della sua migliore amica. Lui è un muratore, padre single, tatuaggi sul corpo statuario e sciupafemmine incallito. Non c’è niente che sembra accomunarli, tranne la passione passeggera, travolgente e unica come nessun’altra sensazione mai sperimentata. Ma Reeve non è diverso dagli altri, pensa prima a se stesso, prima alla sua vita carica di responsabilità, e poi a lei. Un romanzo in cui la vita si svela per quello che è realmente: una serie infinita di scelte che ci rendono quello che siamo. Sembra semplice decidere, ma siamo sicuri che non sarà la scelta sbagliata?


Stefania Da Forno nasce nel 1986 in un paesino del Veneto, immerso nelle Dolomiti. Diplomata in lingue straniere, non ha frequentato l’università, forse perché non sapeva ancora quale strada prendere. Casalinga disperata, ha scoperto la passione per la lettura e la scrittura alla soglia dei trent’anni e ce la sta mettendo tutta per non deludere se stessa, e la sua famiglia. Adora la pizza e ogni genere di film. Asociale di natura, preferisce una serata a casa bevendo camomilla, piuttosto che scatenarsi in una discoteca rumorosa. Ha tre figlie, di cui una con le zampe e un marito che la sopporta da una decina d’anni. Odia le persone maleducate, ma ancora di più la sabbia tra le dita dei piedi.


Buongiorno lettori, ho avuto il piacere di leggere in anteprima il romance "Semplice come fare le scelte sbagliate" di Stefania Da Forno, pubblicato dalla Delrai Edizioni e ho trovato la lettura leggera, senza troppe pretese, e divertente.
I protagonisti sono Mackenzie, una trentenne single, avvocato in carriera, alla ricerca dell’amore perfetto e Reeve, padre di un bambino e muratore per necessità, che passa con facilità da una donna all’altra senza farsi problemi, e senza sentire il desiderio di instaurare un rapporto lungo e duraturo con nessuna (a parte la sua ex).
Quando Mackenzie conosce Reeve, all’addio al nubilato di una sua amica, è una donna in crisi perché non ha mai conosciuto il vero amore e si autoconvince che deve imparare ad “accontentarsi”, perché è scoraggiata e stanca di cercare l’uomo giusto per lei.

“Avevo deciso di prendermi qualche ora solo per me, per camminare lungo i marciapiedi che avevano visto storie di vita vera, alcune belle e altre meno. Avevo bisogno di sentirmi parte di quella città che brulicava di gente, perché in quel modo sapevo che non ero sola nella confusione che mi accompagnava da tempo. C’era chi stava peggio, chi aveva perso l’amore, mentre io non lo avevo proprio mai nemmeno sfiorato. Non era una grossa tragedia.”

Invece Reeve è ancora molto legato alla madre di suo figlio Preston, donna che gli ha sconvolto la vita e da cui dipende ancora affettivamente. Vuole dare stabilità a Preston, ma nello stesso tempo non disdegna le avventure. Sesso senza complicazioni sembra essere il suo motto, in attesa che la sua ex si decida a ritornare con lui.

“Il mio terrore più grande era che lei voltasse pagina una volta per tutte. Finché era disponibile, sapevo che c’era speranza, ma se qualche idiota le avesse messo l’anello al dito, sarei stato fottuto.”

Cosa accadrà quando proveranno attrazione l’una per l’altro? Mac riuscirà a vivere un’avventura senza impegno e Reeve capirà che Mac non è una donna da portarsi a letto una sola volta per poi scordarsene?
Sono persone diverse ma in qualche modo si assomigliano: entrambi sono insicuri e chiusi nei loro mondi, insoddisfatti delle loro vite. In passato hanno fatto delle scelte sbagliate ma per entrambi non è stato facile inseguire i propri desideri. Mackenzie svolge un lavoro che non le piace, ha accantonato i suoi sogni per far fronte alle difficoltà reali e svolge la professione dell’avvocato perché le permette di guadagnare soldi e mantenersi. Questa ricerca continua dell’amore perfetto l’ha resa infelice e in qualche modo l’ha irrigidita. Mentre Reeve ha interrotto gli studi per diventare paramedico quando ha scoperto che sarebbe diventato padre, e non si accorge che correre dietro alla sua ex è solo un modo per cercare di costruire una famiglia perfetta ma con la persona sbagliata. 
Riusciranno ad aprire i loro cuori, a fare chiarezza e a ritrovare se stessi? Non vi resta che leggere il romanzo per scoprirlo.

Lo stile dell’autrice è semplice e usa un linguaggio moderno, attuale, con dialoghi divertenti ed espressioni giovanili. Il romanzo è scritto bene, la trama e gli avvenimenti sono ben studiati e la storia è scorrevole; non mancano scene “bollenti” e momenti emozionanti per poi arrivare al lieto fine.
I personaggi sono ben costruiti, sono persone comuni con emozioni, insicurezze e paure che tutti noi alla fine abbiamo provato. Cambiano durante la storia, crescono e riescono a capire meglio che cosa vogliono realmente dalla vita. Hanno entrambi trent’anni ed è un’età giusta per iniziare a prendersi cura di se stessi con maggiore consapevolezza. Se non si sta bene con se stessi, difficilmente si potrà trovare l’amore. 
L’autrice usa il punto di vista di entrambi i protagonisti ed è riuscita a costruire un mondo intorno a loro molto realistico, pur essendo un romance dove non mancano alcuni cliché. 
Non ho gradito molto l’ambientazione americana, perché non aggiunge nulla alla storia, anzi, io l’avrei trovata più coinvolgente se fosse stata ambientata in Italia, ma il mio gusto personale non influisce sul giudizio del romanzo. 

Consiglio questa lettura a chi ama le storie romantiche e leggere, a chi crede che l’amore possa superare qualsiasi difficoltà e a chi è in cerca di un po’ di coraggio per buttarsi e vivere l’amore (o qualsiasi altra situazione) senza paure. 


Commenti

Post popolari in questo blog

REVIEW PARTY - RECENSIONE - "In-Moral" di Naike Ror

REVIEW PARTY - RECENSIONE - "La sua tentazione" di Isabella Starling

RECENSIONE + GIVEAWAY - "La ragazza del faro" di Alessia Coppola