RECENSIONE "Domina Dea: il Disincanto" di Rodesia Vichi

Titolo: Domina Dea: il disincanto
Autore: Rodesia Vichi
Editore: Self Publishing
Genere: Erotico
Formato: Ebook
Prezzo: € 4,99
Data pubblicazione: 19 febbraio 2018
Pagine: 149
Serie: autoconclusivo
Link di acquisto:




Una storia colore rosso acceso.
Rosso come l’erotismo, la passione, la rabbia.
Rosso come il cuore che pulsa.
Rosso come il sangue.

Dalila è appena tornata da un lungo viaggio che l’ha trasformata profondamente.
In seguito all’incontro fortuito con Fausto – cliente masochista della sua amica Samantha,
escort e mistress d’alto bordo – Dalila entra in contatto con la misteriosa Sofia, una seducente pittrice che vive in una splendida dimora e che vede in lei la sua musa ispiratrice.
Chi è Sofia? E chi sono Laurent e Manuel, i due uomini che abitano con lei?
La curiosità di scoprirlo induce Dalila a frequentare con assiduità quella casa immersa nel
verde e nei fiori, dando inizio a una storia in cui la sua vita e quella di Sofia s’intrecciano alla vita di Fausto e Samantha, del suo ex Damiano, del pianista Laurent e di Manuel, il giovane
androgino, ognuno a suo modo alla ricerca del piacere e della felicità, con appresso il
personale fardello di paure, insicurezze, paranoie.
Una storia a volte lieve, a volte intensa e violenta. Un tumultuoso susseguirsi di eventi, tra
ambiguità e mistero, sesso promiscuo e perversioni, attacchi e difese, nella quiete della
campagna emiliana, con l’anno 2010 sullo sfondo.
Metafora della fugacità dell’amore e dell’amaro disincanto, lascia nel finale una porta aperta alla speranza e al sogno.



Buongiorno lettori, oggi vi parlo di una storia erotica forte che vi condurrà nel mondo sadomaso, dal titolo Domina Dea: il disincanto, scritta da Rodesia Vichi.

La protagonista di questo romanzo è Dalila, una donna che l’esperienza di un lungo viaggio ha cambiato e indurito. Quando torna a casa, ritrova vecchie conoscenze, amici e anche ex fidanzati, ma anche loro li trova cambiati. Tutto intorno a lei sembra diverso e ricominciare una nuova vita, con la rabbia che si porta dentro, non è un’impresa facile.

“Ma cosa è successo in quest’ultimo quinquennio? Un lustro non è poi tanto. Cinque anni sono solo cinque anni. Ma a quanto pare bastano per trasformare tutto, talvolta. Solo macerie dattorno. Macerie incorporee.”
Fra le persone che rivede Dalila, c’è Damiano, un uomo bello e intrigante ma prepotente e maschilista. In parte anche lui è diverso, ma alcuni lati del suo carattere sono rimasti immutati. L’uomo è sempre un dominatore e si aspetta che lei sia succube di lui, come succedeva in passato.
Damiano è sempre molto attratto da Dalila, anche se la trova cambiata.

“Portava i capelli molto lunghi cinque anni fa. Oggi le arrivano appena sotto le spalle. I suoi lineamenti sensuali hanno acquistato una fermezza insolita. Tutta la muscolatura del suo corpo rivela, già dalla prima occhiata, un esercizio fisico regolare e potente. Però è sempre sexy. Forse più di prima.”
Dal loro primo incontro, si rende conto che Dalila non è più la stessa e non è più propensa a compiacerlo. Da questo momento, si capisce che la protagonista vuole solo umiliare gli uomini e usarli a suo piacimento. Quando per caso incontra Fausto, un cliente della sua amica Samantha, escort e mistress di alto bordo, l’uomo le farà vivere esperienze mai provate prima che la intrigheranno e la coinvolgeranno più di quello che si era immaginata.

La scrittrice ci mostra il punto di vista di ogni personaggio, sono tutti ben caratterizzati e
hanno dei ruoli affascinanti. Ho percepito, per tutto il romanzo, una leggera inquietudine che mi ha tenuto incollata alle pagine fino alla fine. La vicenda mi ha coinvolta molto e non mi aspettavo assolutamente la fine e l’evolversi di alcuni personaggi.
A tratti, ho trovato lo stile dell’autrice elegante, anche se alcune scene descritte sono davvero forti e crude, ma non le ho trovate mai volgari. Ci sono momenti violenti, il sesso è esplicito ed è il protagonista indiscusso di questa storia. Si amalgama con la violenza, il mistero, le perversioni e le debolezze, creando una trama originale e molto erotica.
Ho trovato anche tanta bellezza, a cominciare dallo stile dell’autrice per proseguire a tutto ciò che ruota intorno a certi protagonisti come Sofia e gli incontri con Dalila, dove si percepisce un alone simile ai sogni.
Mi ha anche emozionato come è nata l’amicizia fra Dalila e Samantha. Il loro svelarsi un po’ per volta, fino a confidarsi i loro segreti, le ha rese vere.
Sono sincera: alcune scelte nel finale (non dico quali per non fare spoiler) mi hanno deluso un po’. Però, questo non cambia il mio giudizio sul romanzo, è solo il mio gusto personale.
Non lo consiglio a chi immagina il mondo sadomaso come è descritto nel libro “Le 50 sfumature di Nero”, questo è un romanzo dove non si trova molto sentimentalismo o sdolcinatezze, qui il sesso e crudo, a volte disturbante, anche se alcuni brevi momenti sono più delicati. 
Lo consiglio a tutte le persone che vogliono leggere una storia erotica diversa dal solito, scritta bene che trasmette passione e, alla fine, speranza.
Buona lettura!



Commenti

Post popolari in questo blog

REVIEW PARTY - RECENSIONE - "In-Moral" di Naike Ror

REVIEW PARTY - RECENSIONE - "La sua tentazione" di Isabella Starling

RECENSIONE + GIVEAWAY - "La ragazza del faro" di Alessia Coppola