RECENSIONE - "Maga per caso" di Manuela Chiarottino

Titolo: Maga per caso
Autore: Manuela Chiarottino
Editore: Le Mezzelane
Genere: Commedia romantica
Prezzo ebook: € 2,99
Prezzo cartaceo: € 9,36
Data pubblicazione: 19 febbraio 2018
Serie: Autoconclusivo
Pagine: 137
ORDER

Lisa ha fatto mille lavori, meteorologa, sommelier, cuoca. In ognuno ha investito più fantasia che abilità, perché ancora non sa cosa vuole diventare. Dopo un ultimo incarico, concluso con un mezzo disastro, entra per caso nello studio di una maga che dopo averle letto le carte e previsto una passione incendiaria, le confida che cerca qualcuna che la sostituisca. Non importa che sia davvero una cartomante, in realtà quel piccolo studio è soprattutto un’esca per il negozio di articoli esoterici a fianco, e poi l’importante non è leggere le carte, ma l’animo delle persone. Lisa accetta, ma per entrare nel personaggio sacrifica i suoi capelli biondi e gli occhi nocciola e, con l’aiuto della stravagante zia Enrichetta, si trasforma nella fatale Madame Vivienne. Lisa è timida, imbranata e crede nell’amore, Madame Vivienne invece è sexy, spavalda e vive l’amore come un’avventura. Di quale delle due si innamorerà l’affascinante Brando?


Manuela Chiarottino, è nata e vive in provincia di Torino. Tra le sue pubblicazioni si annoverano: Un gancio al cuore (Self, 2017), A nudo (Self, 2017), Devil’s Twins (Self, 2017), Una notte da ricordare (Self, 2016) , Un amore a cinque stelle (Triskell, 2016), vincitore del concorso “Fiori di acciaio”, Cuori al galoppo (Rizzoli 2016), Due passi avanti un passo indietro (Amarganta, 2016), Il mio perfetto vestito portafortuna (La Corte, 2016), Ancora prima di incontrarti (Rizzoli, 2015) e la serie di racconti: La sposa felice (Delos 2015), Non ditelo a Ella (Delos 2015), L'uomo perfetto (Delos 2015), il suo primo romanzo è Arriveranno le farfalle (Self, 2014).

Carissimi, sono tornata a voi con una nuova recensione a “Maga per caso” di Manuela Chiarottino, edito da Le Mezzelane Casa Editrice.

Lisa è una giovane donna che non ha ancora deciso cosa fare nella vita, un po’ sfortunata, si destreggia tra mille lavori che però finiscono sempre per darle più problemi che benefici. Per carattere è insicura, non si piace e non vede il suo vero potenziale, questi fallimenti non fanno che accentuare le sue incertezze.
La possibilità di impersonare Madame Vivienne le permette di  mostrarsi senza filtri o timori di giudizi ma chi è la vera Lisa: la donna timida o la donna sensuale?

"Oddio, non so da dove mi sia venuta questa sicurezza, ma mi sento euforica, e anche un po’ eccitata. Di solito sono timida e insicura, ma questo travestimento mi infonde sicurezza e in più mi fa sentire decisamente sensuale. E poi che soddisfazione rispondere a tono!"

Brando è il classico playboy che fa una conquista a sera, sicuro di sé e forte del suo fisico prestante non ha problemi a irretire le donne per i suoi fini, ma bisogna riconoscergli un’onestà di fondo. L’avventura dura per una sola notte e a colazione ognuno per la sua strada. Ma sarà davvero così superficiale?

"«Sono sincero, amo sentirmi libero e vivere con intensità ogni momento.» Lo dice con un tono che trasmette mille allusioni. «Ma che dire? La vita può farti cambiare idea. In fondo è piena di sorprese, brutte e belle, a volte molto belle, come te.»"

Lisa e Brando sono agli antipodi, Vivien e Brando si tengono testa. Ma il fatto che la donna sia sempre la stessa è il fulcro della storia: bugie, sotterfugi, necessità di risposte e il bisogno di approfondire la conoscenza, creano il terreno perfetto per una serie di equivoci  e di scene che hanno dell’incredibile. Fino a un epilogo che probabilmente è l'unico perfetto per questa storia.

"Ho come l’impressione che entrambi stiamo camminando su un filo sospeso, attenti a non cadere svelando troppo di noi stessi. Io sono giustificata, ho una parte da recitare e credo proprio di cavarmela bene."

Considerazioni

Ho già avuto il piacere di leggere Manuela e questo libro mi conferma la sua capacità di dar vita a storie sempre differenti che riescono a darmi molto come lettrice.
Maga per caso, contiene il giusto pizzico di magia, quella dose di realtà capace di rendere i  personaggi reali, quella sensualità e quel pizzico di malizia che serve ad aggiungere  aspettativa e, non per ultimo, quella punta di mistero che invoglia a leggere.
La caratterizzazione dei personaggi è ben gestita: Lisa/Vivien così diverse eppure complementari; il modo di porsi muta di volta in volta mostrando effettivamente due persone differenti.
Il povero Brando non ha tutti i torti a non riconoscerle. Anche lui lascia intravvedere più di quello che vorrebbe. Mi è piaciuto seguirne l’evoluzione e vederli  crescere.
Ho trovato ottima la narrazione coi POV alternati e in prima persona, risulta facile seguire sia i fatti che i loro reali pensieri, a volte si rivolgono direttamente al lettore facendolo sentire parte della storia.
La forza di questo libro è la semplicità e la ricchezza dei dialoghi, questi ultimi danno un ulteriore sprint alla lettura.
La presenza di personaggi secondari è un valore aggiunto: zia Enrichetta e Greta sono il sostegno di Lisa. La zia è una vera rivelazione, una medaglia a questa donna!

Una piccola nota stonata: Il file in mio possesso è un pdf, questo genere di file presenta sempre qualche piccolo problema e anche questo non ne è esente; nulla di eccessivo tranne una svista che di sicuro non è dovuto alla conversione, una buona rilettura potrebbe portare a rimuoverla.

Una commedia romantica che si legge davvero in poco tempo, frizzante per il susseguirsi degli eventi ed elettrizzante per i continui equivoci che portano il lettore a divertirsi e a prendere a cuore Lisa e Brando. Per tutto ciò faccio i complimenti a Manuela.

Ne consiglio la lettura a chi desidera un libro da leggere tutto d’un fiato senza però rinunciare alle emozioni e alle risate.

Buona lettura!
Monica S.

Commenti

Post popolari in questo blog

REVIEW PARTY - RECENSIONE - "In-Moral" di Naike Ror

REVIEW PARTY - RECENSIONE - "La sua tentazione" di Isabella Starling

RECENSIONE + GIVEAWAY - "La ragazza del faro" di Alessia Coppola