RECENSIONE "Una scrittrice troppo bugiarda" (Too Much Series #1) di Eveline Durand

Titolo: Una scrittrice troppo bugiarda
Autrice: Eveline Durand
Editore: Delrai Edizioni
Genere: Contemporary Romance
Prezzo: ebook 2,99 €
Data pubblicazione: 5 Settembre 2017
Pagine: 124
Serie: Too Much Series
#1 Una scrittrice troppo bugiarda
#2 Troppo giovane per me ( 3 Ottobre 2017)
#3 Uno scatto di troppo (30 Novembre 2017)



“È il bacio che non ho mai avuto, il tocco di un uomo maturo, tanto esigente quanto generoso. Mi sfiora di nuovo con la punta della lingua, prima di mordere piano, come se fosse pronto per avere tutto il resto.
«Sei migliorato, devi aver fatto molta pratica.»
(…) Potevo restare nell'ignoranza. Invece ho voluto provare la serie A fatta uomo. Ho stipulato io stessa il contratto col diavolo degli amanti, con la clausola riportata in calce a garanzia di non rivederlo mai più.”

Patricia ha un sogno: quello di diventare scrittrice. Ma la strada per arrivare al successo non è poi così semplice. Tutti sembrano amare le storie piccanti e lei non è capace di scrivere scene spinte. Capitano a fagiolo, quindi, i diari della zia Brie, erotici e romantici al punto giusto, da cui trarre ispirazione.
Il ritorno di Samuel Fenwick nella sua vita, però, le fa capire che l’erotismo non è soltanto una favola da mettere per iscritto sul suo blog, ma è un desiderio che arde sottopelle e che brucia dentro fino a farle fare scelte azzardate e senza logica.
Una notte ancora, solo una, con un uomo ricco che le ha rubato il cuore da ragazza. Sembra volerlo anche lui, mentre lo sguardo le accarezza il corpo e le dice che non ha dimenticato. Pat non sa cosa fare, ma una cosa è certa: un uomo come Sam non può essere soltanto un’avventura, perché per lei Samuel è ancora il ragazzo sorridente e romantico che l’ha fatta sognare al faro, non l’uomo ricco e snob della famiglia che spadroneggia in paese.
Una storia frizzante e leggera, dai toni dolci, che vi farà sospirare e sorridere insieme. Il primo romanzo autoconclusivo della serie romantica Too Much della scrittrice Eveline Durand, che inaugura con la sua penna talentuosa la collana digitale Vega della Delrai Edizioni.



Eveline non ama molto parlare di sé. Come autrice, tanta riservatezza è da lei stessa giustificata con l'esigenza di lasciarsi andare alla scrittura, ma in realtà la sua è solo timidezza. Grande sognatrice a occhi aperti, ha sempre con sé un quaderno per prendere appunti, veste sempre di nero e le piace andare al cinema da sola. La sua libreria occupa l'intero soggiorno. Scrivere romanzi rosa è il suo modo per esprimere al meglio una sua teoria: l'amore romantico è molto più divertente se condito con una buona dose di torbida passione.



Cari lettori, ben trovati. Oggi parliamo di Una Scrittrice Troppo Bugiarda, primo volume della Too Much Series, scritto da Eveline Durand e pubblicato dalla Delrai Edizioni. Vi informo che ogni romanzo della seria è autoconclusivo e può essere letto indipendentemente dagli altri.

La protagonista di questa storia è Pat, una ragazza che fa la cameriera in un locale e vive con suo padre e suo fratello. Pat ha una zia, Bree, ricoverata da anni in un istituto. Sogna di diventare una scrittrice, ma non è una cosa facile. Quando trova i diari della zia Bree, però, le si apre un mondo nuovo fatto di amore e passione. Sono un’ottima occasione per cominciare, per mettersi in gioco, ma tra le pagine dei diari, Pat scopre qualcosa con cui non ha avuto molto a che fare, l’erotismo. A risvegliare in lei questo lato sensuale ci pensa anche Sam, un conoscente di vecchia data, per cui lei aveva una cotta e con cui c’è stato, in passato, un solo incontro ravvicinato. La passione che scopre con lui è nuova, sconcertante, completamente sconvolgente. Ma può fidarsi di lui e della sua ricomparsa improvvisa?

“Non sono molto avvezza a manifestare il mio entusiasmo dopo il sesso. Credo di potermi definire una "vergine atipica", visto che gli amplessi frettolosi con i miei ex non sono mai stati così sconvolgenti. È la prima volta che mi sento così. Non voglio ancora separarmi da lui, così gli trattengo i palmi contro il mio seno, intrecciando le mie dita alle sue.”
“Sam ha uno sguardo a dir poco diabolico. Il lupo affamato che ha convinto quella stupida di Cappuccetto rosso a fidarsi di lui!”

Questa è una storia davvero carina, frizzante, fresca, ironica, erotica e un pizzico misteriosa. L’autrice in poche pagine è riuscita a creare un intreccio coinvolgente con un mix esplosivo di ingredienti che rendono tutto molto accattivante. La protagonista è umana, reale, non è perfetta. E una ragazza qualsiasi che coglie al volo l’occasione di realizzare un sogno e di rendere giustizia alla vita e all’amore di sua zia. Purtroppo raggiungere i propri obiettivi non è mai facile, gli ostacoli non mancano. Pat conoscerà la delusione e l’umiliazione, ma è una donna forte, capace di tirare fuori gli artigli all’occorrenza.



“C'è delusione nei miei occhi, lo sento. L'amaro che provo in fondo alla gola cambia sapore man mano che la sua barriera inizia a crollare: è lui adesso a ricambiare il furore dei miei occhi. Impercettibilmente, senza emettere un suono, le mie labbra si muovono per sillabare un'unica parola. Stronzo.”

Sam è un uomo particolare, ricco, ultimo discendente di una famiglia che ha sempre spadroneggiato grazie alle proprie ricchezze e ai propri possedimenti. Sotto la maschera da snob, nasconde però il ragazzo che era un tempo, il che non passa inosservato alla nostra Pat.
Un paio di inaspettati colpi di scena rimescolano le carte, quando sembra che la protagonista abbia deciso di intraprendere una strada o abbia preso un’importante decisione.
La scrittura semplice, fluida e corretta ci porta fino alla fine con estrema disinvoltura. La narrazione in prima persona dal punto di vista di Pat è l’ideale per creare il giusto coinvolgimento e metterci a conoscenza di tutti i suoi pensieri. Nonostante il romanzo sia composto da poche pagine, l’autrice è riuscita a creare una storia molto bella e curiosa, capace di interessare e di tenere sempre viva l’attenzione, senza tralasciare niente o risolvere troppo velocemente le situazioni.
Un libro che trasmette energia, serenità e allegria con quel tocco erotico che, se ben inserito, come in questo caso, non guasta mai.
Valutazione 5/5 per questo libro che, seppur breve, ha saputo avvincermi, strapparmi sorrisi e qualche esclamazione di stupore. Consigliato a tutti.
Buona lettura!



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Le possibilità sospese" di Valentina Piazza

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Sergio" di Natasha Knight

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Il sorriso di Jesse" di Angelique Jurd