RECENSIONE - "Il nostro amore non fa rumore" di Lucia Tommasi

Titolo: Il nostro amore non fa rumore
Autrice: Lucia Tommasi
Editore: Self Publishing
Genere: New Adult
Formato: ebook
Prezzo: 1,99 €
Data pubblicazione: 23 Luglio 2017
Protagonisti: Mya, Deran
Pagine: 385
Fan page

In una tranquilla vigilia di natale, Mya non ha idea di come cambierà la sua vita e la sua relazione con Carter, un ragazzo affascinante e di buona famiglia, ma con un carattere pessimo. Quella fatidica sera incontra Deran il collega di suo fratello Mason, dal fascino ribelle, scontroso e tormentato. L'alchimia tra i due è forte, cosa che le fa mettere in dubbio tutta la sua vita da un giorno all’altro.
Deran è un poliziotto con tanti problemi e dipendenze, ma sa che non può fare a meno di lei, anche se rischia di plagiarla. Non appena i suoi occhi si posano su Mya si sente perso, il suo cuore si stacca dal petto. Vuole lei. Mya è combattuta. Da un lato ha un uomo ricco e potente, dall’altra un semplice poliziotto testa calda, che la mette ogni volta nei casini. Cosa farà Mya? E soprattutto cosa succederà quando lo scopriranno il gelosissimo Mason e il violento Carter?

Mi chiamo Lucia Tommasi, ho venticinque anni, abito in un piccolo paese della Sicilia e amo scrivere. Ero una bambina di sette anni quando ho iniziato a fantasticare storie d’amore. Condividevo la cameretta con mia sorella più piccola di me di due anni e prima di dormire inventavo delle storie , facendole sembrare vere, piene di azione, amore ecc… Crescendo però, mi accorgevo che la mia fantasia non si accontentava più di usare le labbra e le corde vocali, voleva che usassi una penna e il cuore. Scrivevo come una matta in qualunque pezzetto di foglio libero, anche durante le lezioni e ovviamente la prima a leggere i miei scritti era mia sorella. Non ho mai detto di questa mia passione a nessuno, neanche a mio marito, all’epoca fidanzato. L’hanno scoperto un giorno, quando ho fatto stampare un mio libro e quasi mi sono commossa nel vedere finalmente l’orgoglio negli occhi dei miei genitori. Da piccola ho sempre voluto renderli fieri di me, ma era sempre mia sorella quella brava a scuola e la più coccolona. Io purtroppo ero è sono quella di ghiaccio, ma vederli orgogliosi mi ha spinto a voler continuare e spero di non smettere mai. Non mi sono mai definita un’autrice perchè ci sono molte persone più brave di me, sono solo una ragazza che ama scrivere e mette impegno e cuore dalla pagina numero 1 alla pagina con scritto FINE.

Della stessa autrice: Alfieri series, The breath series

Cari lettori, bentrovati! 
Oggi vi parlo de "Il nostro amore non fa rumore" di Lucia Tommasi, un new adult che vede come protagonisti: Mya e Deran. 

Mya è una giovane donna la cui vita sembra equilibrata e tranquilla: ha un fidanzato da due anni, che ama, un’amica speciale e una bellissima famiglia, compreso un fratello maggiore iperprotettivo.
Deran è il migliore amico e collega di Mason, il fratello di Mya. Lui è un uomo che non cerca legami, ha molte donne che possono soddisfarlo senza cercare niente di più, e a lui sta bene così.

Deran e Mya si incontrano durante la vigilia di Natale. Lei rimane subito folgorata dalla bellezza di Deran, e per questo si sente a disagio perché è fidanzata con Carter. Anche Daren rimane colpito dalla freschezza di Mya, ma si impone di non avvicinarsi, perché è la sorella del suo migliore amico.

Mi sorride, il suo sorriso scioglierebbe i ghiacciai e i suoi occhi brillano di qualcosa che ancora non conosco. Mi siedo accanto a lui, metto fra le labbra la sigaretta e lui l’accende. Averlo così vicino mi procura uno strano brivido in tutto il corpo. Non so cosa sia. Conosco questo tizio da qualche ora.

Mya cerca di non dare peso alle sensazioni che la presenza di Deran le provocano, e continua a frequentare Carter, che dice di amare, ma ha dei dubbi.
Nel frattempo tra Mya e Deran si crea un legame, una sintonia che stupisce entrambi.
I due si avvicinano ma senza dare nell’occhio, poiché Mason è estremamente geloso della sorella e non vuole assolutamente che si avvicini a Deran. Perché si oppone così fortemente??

Mason definisce il suo territorio, un territorio che non posso assolutamente oltrepassare. Mya è inarrivabile per me, è troppo bella e buona per essere rovinata da me e soprattutto è la sorella di Mason e lui mi ucciderebbe.

Pur di non vedere Deran e Mya vicini, Mason spinge la sorella tra le braccia di Carter. Ma i due protagonisti non riescono a stare lontani e cominciano una relazione segreta, fatta di momenti rubati e sguardi clandestini. La loro storia sarà un continuo tira e molla, a causa dei malintesi e delle intromissioni di Mason e Carter.
Il romanzo alla fine prenderà una piega drammatica, ma preannunciata, che rivelerà la vera natura delle persone attorno a Mya.
Deran e Mya avranno il coraggio di continuare ad amarsi e soprattutto di farlo alla luce del sole?
Questo è un romanzo che parla di un amore apparentemente impossibile che, in qualche modo, riesce a prendersi i suoi spazi. La storia tra Daren e Mya è continuamente ostacolata da Mason. Il suo è un ruolo di fratello-padrone, molto attaccato alla sorella e convinto di fare il suo bene. Cerca in tutti i modi di allontanare i due protagonisti, preferendo Carter  nonostante abbia dato segni di avere qualcosa che non va, di essere troppo aggressivo e di voler controllare Mya, ma tutto questo sembra passare in secondo piano rispetto al problema di Deran.
Deran però, con Mya, pensa di poter superare le sue difficoltà e lei, con lui, si sente libera di essere se stessa al 100%, libera anche di contravvenire alle regole del fratello e di fare le sue scelte.

Lui fa uscire una Mya che neanche conoscevo. Una Mya che ama la vita, ama divertirsi come ragazzini e ama farsi sedurre. Mi da una scarica elettrica micidiale e la mia autostima è salita alle stelle.

La passione tra loro è bollente e non può essere ignorata, ma tutto deve rimanere nascosto. È soprattutto Mya che ha paura di uscire allo scoperto perché teme le reazioni di suo fratello e dei suoi genitori. Pur di mantenere segreto il loro rapporto adotta dei comportamenti e delle scelte che feriranno profondamente Deran.

Sinceramente non sono riuscita a immedesimarmi e  condividere le scelte di Mya. Lei paga cari i suoi errori, ma le conseguenze si ripercuotono anche su chi ama. Non sono riuscita ad apprezzarla molto come personaggio perché non era in grado di prendere una decisione definita, sempre troppo influenzata dal fratello. Ho apprezzato molto di più Deran, che nonostante tutto è deciso e sicuro dei suoi sentimenti, ma anche lui è condizionato dalle scelte di Mya, dalla presenza di Carter e dalle prese di posizioni di Mason. Deran all’inizio pensa che sia una buona idea stare lontano da Mya, ma poi i sentimenti prendono il sopravvento. Lui mi è sembrato il personaggio più realistico, in tutte le sue forze e debolezze.

Vorrei sedermi accanto a lei, vorrei abbracciarla, tenerla forte tra le mie braccia, ma ho paura che mi allontani. Ho paura di fargli schifo, io mi faccio schifo da solo.

Mason, anche se non è una delle voci narranti, è una presenza forte e ingombrante, che condiziona tutta la storia. Sono riuscita a comprendere il suo punto di vista, ma non i suoi comportamenti.
La trama ha un certo potenziale, che purtroppo, a parer mio, non è stato sfruttato completamente. Sarebbe stato molto interessante entrare più approfonditamente nella psicologia dei personaggi, capire perché Mason è così autoritario e Mya così influenzata da lui, il perché dei problemi di Deran e dei comportamenti di Carter.
La narrazione in prima persona cerca di farci entrare nei panni dei protagonisti alternando il punto di vista tra Deran e Mya, ma non sono riuscita a empatizzare con loro. La scrittura è semplice e molto incalzante. C’è qualche piccolo refuso, ma niente che possa disturbare troppo la lettura, che risulta comunque scorrevole.
Avvicinandoci al finale, la storia  diventa un po’ più coinvolgente e profonda, ma non ho potuto fare a meno di pensare a come gli sbagli, le colpe e le conseguenze siano state superate velocemente.
La valutazione che mi sento di dare è un 3/5, poiché anche se gli ingredienti sono buoni, mi è mancato quel qualcosa in più.
Comunque è un romanzo di cui consiglio la lettura, soprattutto agli amanti del genere e a chi predilige le storie di amori difficili.

Buona lettura!



Nessun commento:

Posta un commento

PRESENTAZIONI - SELF PUBLISHING