RECENSIONE IN ANTEPRIMA "Non so se odiarti o amarti" di Corinne Savarese e Lidia Ottelli

Titolo: Non so se odiarti o amarti
Autrice: Corinne Savarese - Lidia Ottelli
Editore: self publishing
Genere: contemporary romance
Formato: ebook
Prezzo: € 2,99
Data pubblicazione: 30 Luglio 2017
Protagonisti: Alice - Gabriel
Pagine: 200
Serie: Autoconclusivo
Pagina autrice: Corinne Savarese
                                Lidia Ottelli   


Il colpo di fulmine esiste veramente?
Alice, la rigorosa dottoressa con una vita già scritta nel destino, ha ormai perso le speranze e quando, dopo una notte di follia, si sveglia accanto a uno spogliarellista vestito da pompiere, il suo castello di carte crolla in un istante.
Gabriel è tutto quello che una donna potrebbe mai sognare. Bello, affascinante, carismatico, arrogante e… bugiardo!
Se a tutto questo aggiungiamo una location da sogno, amici/nemici in comune, un matrimonio e una sfortunata serie di eventi, per Alice non sarà proprio il Paese delle Meraviglie.
Riuscirà Gabriel a farla cadere nella sua tana, senza che entrambi diano il peggio di loro stessi?


CORINNE SAVARESE è nata a Milano e ha studiato lingue moderne. Ex agente di viaggi e product manager, ora è sposata e ha 4 bambini. Autrice emergente di Chick Lit, ha iniziato con il selfpublishing, scalando le classifiche con i primi due romanzi, entrambi Bestseller su Amazon nella categoria Humour per diversi mesi.

LIDIA OTTELLI  è nata nel 1976 in provincia di Brescia. Ha pubblicato alcuni racconti in antologie di piccole case editrici, è ideatrice del blog e della pagina Facebook Il Rumore Dei Libri, scrive con altre blogger sulla rivista online «Eclettica», con una rubrica dedicata agli esordienti, e collabora con la rivista «Pink Magazine Italia». Con Newton Compton ha già pubblicato Odio l’amore, ma forse no e Fino all’ultimo battito.
                                             



Buongiorno cari, oggi ho il compito di parlarvi di “Non so se odiarti o amarti” il nuovo libro di Corinne Savarese e Lidia Ottelli.
È stato un piacere e un onore leggere questo libro in anteprima per voi, sì lo so che lo stavate aspettando da tanto, anch’io ero in attesa e curiosa. Vi confesso che l’ho letto in tempi non sospetti. Ok, odiatemi! :D

I personaggi sono:

Gabriel: un imprenditore, nonché titolare insieme al suo amico Alessio, della rivista di moda Fashion Look, vive a Lugano, gli piacciono il lusso e le belle donne, coi suoi 30 anni e il fisico da modello non ha problemi a vivere avventure continue e senza legami, sicuro di sé, intraprendente e con una grande faccia tosta è un uomo che affascina chiunque incontra.

Alice Belpaese: una pediatra con una carriera avviata, vive e lavora a Milano, single di 30 anni  è la quintessenza di maiunagioia! Bella ma non se ne rende conto, ha un superiore che la sminuisce, dei colleghi che la snobbano e delle “amiche” che non la considerano alla loro altezza. Insicura, paranoica e un po’ iellata, finisce suo malgrado per avere sempre la peggio in ogni situazione.

Personaggi particolari che ne dite?
Ah, vi state chiedendo che c’entrano uno con l’altra? Ora ve lo dico ;)

Alice ci rende subito chiara la sua indole insoddisfatta e la sua vena malinconica, analizza la sua vita con una patina di apatia che al confronto un funerale ha momenti di leggerezza. Il motivo di tutta la sua tristezza è dovuto al fatto che la sua migliore amica Annalisa sta per sposarsi. No, fermi! Non si tratta di invidia, semplicemente Alice realizza che sta per restare sola, senza la sua spalla fidata, il suo punto di riferimento né la compagna di confidenze. Questo e l’analisi della sua vita la getta nello sconforto.  Alice è un personaggio che a me non è piaciuto subito, ci ho messo un po’ a capirla e a iniziare a provar simpatia per lei.
Il suo disfattismo e il modo di arrendersi d’avanti ai soprusi e la tendenza alla melodrammaticità la rendono pesante. In realtà continuando la lettura si scopre che non è lei a essere logorroica ma è la sua vita a far decisamente pena! Ecco da quel momento il maiunagioia che le associavo diventa Alice unadinoi. Tutto e ripeto tutto quello che può andarle storto le va storto.
Organizza qualcosa? Le va male e arriva in ritardo.
Spera in qualcosa? Le va male e la fortuna bacia altri.
Vuole qualcosa? Le va male e sarà di altri.
Questo la rende una donna comune e quasi quasi faccio il tifo per lei, perché in alcune situazioni ci rivedo me! Lei però ha Gabriel, o meglio si trova tra i piedi Gabriel e cosa non combinano questi due è un programma.
La bravura dell'autrice è stata questa, creare una protagonista in cui immedesimarsi e non un super eroe da invidiare.

Gabriel, lui mi conquista subito, è talmente assurdo e sicuro di sé che qualunque cosa pensa e fa è fatta e pensata con una naturalezza tale che risulta reale e veritiera. Un manager ligio e preparato sul lavoro, quasi maniacale per certi versi, si trasforma in un uomo con un pensiero fisso per il sesso. In realtà è un uomo di 30 anni, nel pieno del vigore fisico, a cui piace il sesso e non ne fa mistero; le sue partner sanno che il suo motto è “una basta” che poi “una” sta per un’intera notte!!!
La sua naturalezza nel rivivere certi siparetti permette a me di ridere mentre lui rievoca alcuni momenti passati tra le lenzuola. L’autrice è riuscita a dargli uno spessore tale da renderlo un ottimo personaggio sotto ogni punto di vista: un amico fidato, un uomo preciso, un amante perfetto. Tutto ciò almeno finché non incontra Alice e lì ogni certezza dell’uomo vacilla inesorabilmente.

Il loro incontro è casuale ma sfocia subito in una notte di passione che sarà il fulcro su cui si svolgerà l’intera storia, un tira e molla, una ricerca ossessiva e un fuggi fuggi generale. Le due autrici ce l’hanno messa tutta per darci quello che non può che esser definito un buon libro. Ironico, comico, con una punta di sofferenza, tanta perfidia e il desiderio che seppur incalzante non troverà tanto facilmente il proprio sfogo.
L’ironia appartiene ad Alice, è lei che si protegge con battute a effetto, il desiderio è di Gabriel che davvero verrà messo a dura prova, a un certo punto gli suggerivo io stratagemmi per poter ottenere risultati!
Annalisa e Alessio, i futuri sposi per intenderci, sono fondamentali nella vita di Alice e Gabriel, anche loro contribuiscono a tener allegra l'atmosfera del romanzo. A voler esser precisi sono la causa di tutto il pandemonio che succede ma si sa agli amici si perdona tutto.
Di sfondo tutti i personaggi secondari che vi assicuro fanno di tutto per risultare odiosi.
L'epilogo per me è la ciliegina sulla torta, quell'elemento che rende perfetta la lettura e che non potrei desiderare diverso.

Considerazioni

Basta o finisce che vi racconto tutto, aggiungo solo che le risate sono assicurate. La trama è ben sviluppata con dettagli precisi e ben integrati. Le autrici hanno scelto di dare solo degli accenni sulle caratteristiche fisiche dei protagonisti e dei personaggi secondari, ma si sono dilettate a darci parecchie informazioni sui loro caratteri e altre le ricaviamo leggendo e immaginandoli in azione.
I capitoli a POV alternati permettono di conoscere i due punti di vista. A volte i personaggi ripercorrono lo stesso avvenimento fornendo però una visione differente, cosa che non annoia in quanto le scene presentano sempre nuovi elementi, altri capitoli sono unicamente di Alice o di Gabriel questo consente di conoscere loro e l'ambiente in cui lavorano e vivono.
Il libro contiene scene intime, le descrizioni sono soft ma hanno una forte sensualità, cosa che ho apprezzato e trovato ben bilanciata nel contesto della storia.
Questo libro a quattro mani è senz’altro riuscito alla perfezione, e chissà che in futuro le due autrici non ci regalino altri romanzi. Perciò è con vero piacere che faccio i complimenti a Corinne e a Lidia,
Alice e Gabriel mi hanno divertita e fatto sognare, grazie.
Il file in mio possesso è quello pre-revisione e pertanto presentava qualche piccola svista che sono sicura non troverete voi lettori.
Consiglio la lettura a tutti gli appassionati dei contemporanei, a chi ha voglia di una lettura che aiuti a divertirsi e a chi piacciono le storie realistiche ma dalle sfumature rosa.


Buona lettura!



Commenti

  1. Risposte
    1. È stato un piacere. Alice e Gabriel sono fantastici, brave!

      Elimina
  2. Grazie di cuore per questa magnifica recensione. Sono felice che il nostro romanzo sia piaciuto tanto. Un carissimo saluto a te e a tutti i lettori che ti seguono.
    Buone vacanze.
    Corinne Savarese

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Corinne. Un bel romanzo, in bocca al lupo.
      Buone vacanze.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

GIVEAWAY 2000 iscritti

GIVEAWAY "C'era una volta a New York" di CECILE BERTOD

RECENSIONE - " Come miele e neve" di Siro T. Winter