RECENSIONE "Come un'isola" di Monika M.

Titolo:  Come un'isola
Autrice: Monika M
Editore: Lettere Animate
Genere:  Thriller psicologico
Formato: ebook/cartaceo
Prezzo:    € 1,49 / €  11,90
Data pubblicazione:   9 giugno 2016
Protagonisti: Lucrezia e Victor
Pagine: 170

BookTrailer
Pagina autrice




Come un’isola è forse scritto unicamente per noi donne , noi donne che ci amiamo così tanto da saper amare in modo unico, senza però tradirci mai . E’ una storia d’amore non convenzionale, complessa, forse malata, tenace , che rivela la fragilità e la forza stessa della protagonista. E’ un invito a darci una possibilità anche quando tutti i segnali indicano pericolo, vivere un amore sapendo che si verrà feriti non per ingenuità ma per coraggio, vincendo la paura del dolore che sappiamo arriverà ma che sarà nulla confrontato ad una assenza di rimpianto. E’ consapevolezza di sé, è controllo, è scelta . Lucrezia , la protagonista, allineerà la sua vita a quella di Victor convinta di poter, come sempre nella sua vita, controllare tutto . Nulla sarà più diverso da ciò che lei aveva pianificato fino a conoscere la travolgente ribellione, fiera del suo orgoglio ingaggerà una guerra con il suo stesso cuore per non concedersi ad un amore non corrisposto .Si tufferà volontariamente in due occhi crudeli e belli sapendo che vi troverà la morte per annegamento, consapevole che quel che dopo l'aspetterà non sarà più vita , ma sopravvivenza scandita da una inguaribile mancanza, dettata però dalla libertà della scelta fatta .Siamo spesso schiavi dei nostri limiti , ma quanto di noi siamo disposti a tradire per oltrepassarli ?<< Non bisogna mai partire da un risultato , se lo facessimo tutto sarebbe falsato ,ogni gesto e pensiero mutato dal desiderio di giungere dove si è stabilito e non dove veramente siamo attesi... sei enigma e mistero che vivrò per sempre o forse mai più... >> Lucrezia da Come un'isola di Monika M.








Salve, oggi vorrei parlarvi del romanzo di Monika Le Morgan "Come un Isola".

Lucrezia è una giovane donna di buona famiglia convinta di essere stata in un'altra vita una strega torturata e condannata a morte per annegamento.
Per confutare la sua tesi contatta un dominatore Victor un uomo più grande di lei per sperimentare le tecniche di tortura e così rievocare dei ricordi.

"Non credo riuscirò a far riemergere quei ricordi, quello che posso garantirti è che se ti fiderai di me. . . . veramente, nulla per te sarà più come prima."

Lucrezia lotta contro se stessa, non vuole accettare quello che prova per Victor e non vuole sottomettersi a lui.

"Quella porta - la indicò con un gesto deciso, puntando l’indice, - è solo un simbolo, nulla di te sarà a me precluso, nascosto. Non avrai 10 angoli in cui io non arriverò, sarà tutto mio, pensieri, paure ed emozioni. Conoscerò quello che tu stessa non vuoi vedere, ammettere, accettare.- "

Ma non tutto va come lei crede...cederà a questo sentimento dirompente?
Farà la scelta giusta?

"Rannicchiata nel letto, prima di ogni energia e voglia di reagire non faceva che chiedersi perché non se ne andasse, perché restava nelle mani di quel sadico malato. Ma nessuna risposta arrivò, le sembrava di aver la mente vuota, sconvolta non riusciva a razionalizzare l'accaduto ed aveva solo voglia di dormire."

Considerazioni


Ho iniziato a leggerlo pensando di trovarmi davanti ad un altro genere di romanzo, uno di quelli che va tanto di moda al giorno d'oggi, un dominatore, una slave ecc ecc ecc.
Invece sono rimasta sorpresa, anche perché non avevo mai letto una storia di questo tipo.
L'autrice ha dato a questo romanzo molti input, che peccato non sono stati poi alla fine ben sviluppati.
Uno di questi, quello più importante, è la convinzione della protagonista di essere stata in una vita precedente una strega, lo sviluppo di questa caratteristica della trama, avrebbe reso questo romanzo ancor più originale e interessante. Questo mancato approfondimento ha rallentato molto il ritmo del romanzo, perché ha voluto dare alla trama un'impronta diversa, quella psicologica.
La parte psicologica infatti è sorprendente, questo libro ha molte caratteristiche del romanzo psicologico in quanto caratterizzato da una " sottile, continua e minuziosa analisi interiore dei personaggi", in questo caso, di Lucrezia in continua lotta interiore con stessa.
C'è stato addirittura un momento nel quale si narra la perfetta descrizione del dominatore, in cui quasi ho pensato si parlasse di lei e non di Victor.
Lo stile dell'autrice è buono, leggermente ricercato il linguaggio e i personaggi soprattutto Lucrezia è bel caratterizzata, meno Victor, ma penso che l'autrice abbia voluto dedicarsi intenzionalmente a Lucrezia proprio per le caratteristiche del personaggio stesso, pensieri, comportamenti, scelte.
Insomma spero di avervi incuriosito, se amate il genere ve lo consiglio, non aspettatevi la classica storia d'amore...

Buona lettura!!!!!



Commenti

Post popolari in questo blog

GIVEAWAY 2000 iscritti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA "È solo colpa tua" di Robin C

RECENSIONE IN ANTEPRIMA "Logan" di Veronica Scalmazzi