ANTEPRIMA "In the line of duty" di Mya McKenzie

Titolo: In the line of duty
Autore: Mya McKenzie
Editore: Self publishing
Genere: Romantic Suspense
Pagine: 252
Formato: ebook - cartaceo
Prezzo: € 1,99 – € 9,98
Data pubblicazione: 6 giugno 2017
Serie: Redemption Series
Vol 1: Ghost Love – 31 Gennaio 2017
Vol 2: Rise of the damned – 26 Aprile 2017
Vol 3: In the line of duty – 6 Giugno 2017

Booktrailer
Fun Page
Gruppo autrice








La vita non è stata generosa con Jack Wade.
Costretto a contare soltanto sulle proprie forze per sopravvivere alla strada, è cresciuto senza affetti, senza una guida, senza sapere cosa significasse amare.
La prima volta che ha aperto il proprio cuore a qualcuno si è ritrovato spiazzato, ferito, di nuovo solo. Ma, invece di piangersi addosso, ha imparato dai propri errori, ha tentato di riallacciare rapporti, ha provato a riscattarsi da tutti gli sbagli commessi.

Però la vita è una gran bastarda, a volte.
E la sua non gli ha di certo teso la mano, non gli ha reso le cose più semplici. Al contrario, l’ha portato a incrociare la strada di una potente organizzazione criminale, a scontrarsi con una famiglia spietata che l’ha privato degli affetti più cari.
Ma Jack non ha mollato. Ha combattuto con tutte le forze per riconquistare e proteggere l'unica persona che abbia dato un senso alla sua esistenza.

Ma la vita è ingiusta e non fa sconti, tantomeno la sua.
Ancora una volta l'ha messo di fronte a un ostacolo immenso, smisurato, il più difficile che abbia mai dovuto affrontare.
Perciò ora Jack si trova a un bivio: può piegarsi a quella sorte avversa che sembra essersi accanita contro di lui o tentare di pareggiare i conti con coloro che l’hanno messo in ginocchio e prendersi quella rivincita che insegue fin dall’istante in cui è venuto al mondo.

ESTRATTI

Non faccio nemmeno in tempo a formulare il pensiero che un terzo veicolo si presenta all’ingresso. Ne scende un uomo in completo, snello, elegante. Mi dà le spalle e non si volta, ma raggiunge l’edificio in fretta, senza esitazioni. Non posso esserne sicuro ma, se dovessi scommettere, direi che l’ultimo degli Hunyadi è appena caduto nella trappola.
Le pulsazioni accelerano sotto la spinta di emozioni che fatico a controllare. Sento il sangue affluire al viso e premere sulle tempie. Le dita si stringono attorno al visore notturno, la mano libera si sposta verso la Glock infilata nella fondina. 
Distolgo lo sguardo e chiudo gli occhi. Per restare lucido devo riuscire a scacciare i miei demoni. 
Ci provo, davvero, ma i suoi occhi e il suo ghigno non spariscono dalla mia mente. Sono sempre lì, a ricordarmi ciò che è successo, a torturarmi con i sensi di colpa, a ridere di me e della mia impotenza.
Vorrei gridare, lasciar fluire la rabbia che provo, ma so di non poterlo fare. Mi concedo qualche imprecazione a denti stretti e un paio di calci a una vecchia seggiola mal ridotta. È frustrante non essere in grado di superare certi ostacoli, soprattutto in momenti come questo, quando tutto dipende da me a dalla prontezza dei miei riflessi.


Le parole di Reed mi arrivano dritte allo stomaco. Colpiscono forte, mettendomi ko.
La portata di questa notizia è devastante. 
È come uno tsunami: mi svuota di ogni emozione e, un secondo più tardi, le riporta tutte insieme in un’onda di proporzioni gigantesche, che si abbatte sulle pareti del mio cuore facendolo sanguinare. La mente vacilla, la mano trema. Lascio andare la pistola, porto le mani al ventre per cercare di contenere la devastazione che incombe dentro di me. Non riesco a restare in piedi, cado a terra, in ginocchio.
Mi aggrappo a Tyler, appoggio la testa sul suo petto e lascio defluire ogni cosa.
È un pianto inconsulto, che mi scuote nel profondo, che fa traballare i pilastri della mia esistenza ma che, allo stesso tempo, mi dà un sollievo enorme. 
Resto lì, inerme, troppo esausto per poter fare altro.


COVER COMPLETA



Buona lettura!!!

Commenti

Post popolari in questo blog

GIVEAWAY 2000 iscritti

GIVEAWAY "C'era una volta a New York" di CECILE BERTOD

RECENSIONE - "Troppo vicino" di R. Phoenix