RECENSIONE IN ANTEPRIMA di "Perché la notte appartiene a noi" di Amabile Giusti

Titolo: Perché la notte appartiene a noi
Autore:  Amabile Giusti
Formato: Ebook / Cartaceo
Prezzo:      3.99 / 9.99
Genere: Contemporary Romance
Editore: Amazon Publishing
Data pubblicazione: 22 Maggio 2018
Pagine: 292



La luce dell’aurora e il gelido buio dell’Alaska: sono Mira e Kade
L’inverno in Alaska è spietato: lo sa bene la giovane Mira Kendall che non si è mai allontanata da Noweetna, un villaggio di trecento anime. Per affrontare il buio perenne di quelle latitudini, la ragazza si è creata un piccolo mondo interiore ricco di luce: legge tantissimo, colleziona fiocchi di neve e sogna di vivere un grande amore romantico.
L’arrivo di Kade scuote ogni suo equilibrio. Lui è un trentenne tanto bello quanto inquietante: ha i capelli lunghi, un occhio verde e uno nero, strani tatuaggi perfino sul viso e sulle mani, e un pessimo carattere. Non socializza con nessuno, vive da solo su una vecchia barca arenata e nasconde di sicuro un terribile segreto.
Impossibile per loro non incontrarsi, così com’è impossibile per Mira non trovarsi combattuta fra due emozioni opposte. Una parte di sé disapprova Kade per i suoi modi sgarbati, e l’altra è irresistibilmente attratta dal suo fascino feroce e dal mistero che lo avvolge.
Lentamente, l’iniziale reciproca antipatia si trasforma in un sentimento inatteso, tanto profondo da travolgerli entrambi. Ma Kade ha troppe cose da nascondere. Quando il suo passato torna a minacciarlo, diventa necessario fare una scelta dolorosa che potrebbe separarli per sempre.
Una storia passionale e sensuale sullo sfondo di una terra selvaggia, fra due anime più affini del previsto, dapprima ostili, dubbiose, rabbiose, e poi follemente bisognose, gelose e affamate d’amore.


Amabile Giusti è calabrese. È un ex avvocato che ormai si dedica completamente alla scrittura. La sua vita è scrivere romanzi e il suo sogno nel cassetto è vivere in un casale, dove inventare le sue storie circondata dal verde e da tanti animali.
Per farla felice, regalatele un saggio su Jane Austen, un ninnolo di ceramica blu, un manga giapponese o una pianta grassa piena di spine. Amabile spera di invecchiare lentamente (sembra sia l’unico modo per vivere a lungo), ma mai invecchiare dentro. Ascolta molto e parla poco ma, quando scrive, non si ferma più...

Dal 2009 ha pubblicato numerosi romanzi molto amati dal pubblico: 
Non c’è niente che fa male così
Cuore nero
la serie di Odyssea (Oltre il varco incantatoOltre le catene dell’orgoglioOltre i confini del tempoOltre il coraggio del sacrificio), 
L’orgoglio dei Richmond
Solo non si vedono i due liocorni
e con Mondadori Trent’anni e li dimostro e La donna perfetta
Per Amazon Publishing ha scritto Tentare di non amarti (2015), 
il sequel C’è qualcosa nei tuoi occhi (2016) ed È un giorno bellissimo (2017).


Buongiorno Librose sono molto lieta di parlarvi in anteprima del nuovo libro di Amabile Giusti edito da Amazon Publishing.

Mira Kendall vive da quando è nata nel Neweetna, un paesino di 300 anime immerso nel buio e gelo dell'Alaska, dove tutti si conoscono, tutti sparlano e c'è poco da fare e Amabile Giusti ci condurrà nella conoscenza dei personaggi più insoliti e noti del paese. 
Mira lavora nel suo negozietto di alimentari, appartenente alla sua famiglia ma del quale si occupa in modo esclusivo da quando il padre ha fatto perdere le tracce di sé abbandonando lei e sua madre. Quest'ultima si è chiusa completamente nella sua follia, non esce più di casa e manifesta un insolita fobia dovuto al "bianco".. perciò immaginiamoci cosa voglia dire quando si vive in un luogo che è ricoperto 10 mesi su 12 di bianca e gelida neve. 
I rapporti con Mira non sono proprio idilliaci, lei si occupa costantemente di sua madre, teme di lasciarla sola e subisce spesso e volentieri i suoi attacchi di rabbia nei suoi confronti e in special modo sull'essere umano maschile, ancora colma di rancore a causa del padre. 
La vita di Mira trascorre in modo piatto e insignificante in un luogo dove non succede mai niente e non vi è nessuno di interessante. Il suo unico amore Henry Mayor la lasciò presto per rincorrere il suo sogno di diventare un attore e per diventare una star di Hollywood, e spesso viene ritratto nei rotocalchi che vede nel proprio negozio. 
Così Mira si rifugia nei suoi libri fatti di grandi storie d'amore, avventure e uomini da ammirare. Sarà l'arrivo in città di Kade Taylor che desterà l'interesse di tutta la cittadina e in particolar modo di Mira. Primo perché non è solito vedere dei forestieri che si intrattengono per diversi mesi nella città e secondo perché Kade non è proprio un personaggio che passa inosservato. È come un orso bruno scontroso che non vuole avere a che fare con le persone e che vive solitario su una barca armeggiata nel bosco e risistemata da lui. Dalla barba folta e capelli lunghi, con un particolare sguardo da un occhio scuro e l'altro chiaro, una cicatrice e un teschio tatuato nella tempia che lo rende perfetto per Mira, come fosse uno dei suoi personaggi usciti fuori da un libro. Somigliava tanto al principe bastardo dei suoi sogni, peccato che fosse più bastardo che principe! 

"Kade lo attraeva pericolosamente, e non soltanto perché era una ragazza di ventidue anni con gli ormoni in subbuglio. Era come se lo avesse conosciuto in un'altra vita, lo avesse amato sotto altre spoglie, e adesso lo avesse incontrato di nuovo." 

Kade è un individuo guardingo che non ama essere osservato e stare al centro dell'attenzione. Ama intagliare il legno e vive di piccoli lavoretti di riparazione che svolge per gli abitanti del paese. Viene presto preso di mira dalla vamp del paese, che non se ne lascia scappare uno, e dalle signore che se lo mangiano con gli occhi, tra queste c'è Mira, che lo osserva di nascosto e spesso lo pedina, curiosa di sapere qualcosa in più di lui e perché è tanto restio nei confronti della gente. Sa che Kade nasconde qualcosa di oscuro e pericoloso ed è del tutto intenzionata a scoprire cosa. 
Peccato che tutto ciò non faccia piacere a lui, indispettito dal sentirsi osservato e spesso seguito da lei, inizierà ad affrontarla nei modi più bruschi e burberi che conosce in modo da intimorirla e portarla a smettere di interessarsi a lui. Cosa del tutto impossibile. Si studieranno, si controlleranno, si odieranno e ben presto non riusciranno a fare a meno l'uno dell'altra. Mira con i suoi modi assurdi e strampalati saranno una boccata d'aria fresca per Kade, ma il suo essere curioso lo manderanno spesso in bestia. Perché Kade nasconde veramente un segreto... Un segreto oscuro, di quelli che non devono essere scoperti perché potrebbero mietere diverse vite, oltre che la sua. Ha solo un obiettivo: restare nascosto il più possibile e passare inosservato, per soli 6 mesi... i 6 mesi più lunghi della sua vita, che il quel posto dimenticato da Dio sembrano non trascorrere mai!

«Gli ostaggi devono restare vivi per essere utili.» «Quando non ti servirò più mi ucciderai?» Lui non le rispose subito. Le indirizzò un'occhiata inquieta come se lei avesse detto qualcosa di allarmante. « Il problema è proprio questo.» «Quale?» Kade divenne oscuro. La fissò ancora con aria di sfida. «Non so se smetterai di servirmi.»

E tra sculture di ghiaccio, segreti inconfessati e nascosti, amiche impiccione e chiacchiere di paese. Il rientro inaspettato del suo primo amore, che sconvolgerà tutti gli equilibri, fughe inaspettate sui cieli dell'Alaska e un lupo solitario e buffo, sulle montagne ghiacciate... Assisteremo a una storia che sa di favola, originale e da batticuore. Dove scopriremo che anche due personaggi completamente opposti si possono incastrare benissimo tra di loro. Dove si può scoprire che anche quando tutto sembra perduto e la tua vita sembra voglia nascere e morire in un paese che sembra la tua prigione, tutto può cambiare da un giorno all'altro. Sconvolgerti la vita, rimescolando le carte in tavola, scoprendo che tutto ciò a cui si è creduto fino a quel momento era una finzione. E portando la tua vita in posti, luoghi ed emozioni che non avevi mai immaginato...

"Non so com'è successo, non so esattamente quand'è cominciato, non so perché. So soltanto che, se mi strappassero la pelle e lo scheletro, dentro troverebbero uno spazio vuoto che ha la sua forma.Magari com'è adesso, rannicchiata contro il muro, coi capelli sciolti e la pelle delle guance simile a quella della perle. Non glielo dico, non le dico nulla di questi pensieri che mi fanno sentire debole e forte nello stesso istante."

"Perché la notte appartiene a noi" è un libro che va assolutamente letto e che sono certa apprezzerete e amerete, perché anche dietro a una roccia vecchia e insignificante può nascondersi il più puro dei diamanti!
Il pov è alternato e troviamo la terza persona con il racconto di Mira, mentre nel pov di Kade il racconto si trasforma in prima persona, rendendolo il protagonista della storia. I personaggi sono tutti ben caratterizzati, nulla è lasciato al caso e l'ambientazione è insolita. La scrittura è fluida, il testo ben scritto e arriva in modo diretto.

"Ho imparato cose ben più difficili di queste. Ad esempio che la vita è bella nonostante tutto. Che anche il dolore ha un senso e senza il buio gelido del Nord non sarebbe possibile vedere l'aurora boreale. Lo splendore si annida ovunque, basta saperlo cercare."


Complimenti ad Amabile Giusti per questo nuovo capolavoro!!
Buona Lettura!



Nessun commento:

Posta un commento