RECENSIONE " Bad Romance" di Jen McLaughlin

Titolo: Bad Romance 
Autore: Jen McLaughlin 
Editore: Newton Compton 
Genere: Contemporary romance 
Prezzo: € 3,99 / € 10,89 
Formato: ebook / cartaceo 
Pagine: 226 
Data Pubblicazione: 19/04/2018 - cartaceo
ORDER
                               
Jackson Worthington è un cecchino. Ma una ferita alla spalla mette fine alla sua carriera nell’esercito e viene rimandato a casa, a combattere una battaglia che gli è familiare: stare lontano da Lily Hastings, l’angioletto del suo ricco paparino, assolutamente adorabile, tanto pulita quanto Jackson è sporco. Ed è anche la sua sorellastra, proibita, ma mai dimenticata, non dopo il bacio appassionato per il quale a diciotto anni è stato cacciato di casa. All’epoca non era riuscito a resisterle. Come potrebbe resisterle ora? Lily sta per sposare un uomo che non ama, e impegnarsi in un lavoro che odia, tutto per compiacere suo padre. Come se non bastasse, il suo primo amore è tornato, con un corpo scolpito e appena una traccia del ribelle che ha segnato il suo destino. Lily ora è cresciuta. Ed è pronta a essere una cattiva ragazza. 


Jen McLaughlin vive in Pennsylvania. Fuori controllo, primo volume della serie Out of Line, ha avuto così tanto successo che è stata nominata da «Forbes» assieme a E. L. James come una delle autrici più influenti. Oltre a Fuori controllo, la Newton Compton ha pubblicato anche Bad Romance, Un disperato bisogno di te, Ogni volta che sei qui, Mi manchi tu e Non vivo più senza di te.


Cari lettori, eccomi qui a parlarvi di un libro edito da Newton Compton, Bad romance, scritto da Jen McLaughlin. Era già stato pubblicato in ebook lo scorso settembre, ma il 19 aprile è uscito in versione cartacea. I protagonisti sono Jackson e Lily, due fratellastri. La loro situazione familiare non è facile, il padre di Lily sembra odiare Jackson, e sua madre non si prende mai la briga si stare dalla sua parte. Lily vive una vita non sua, ma del padre, che decide ogni cosa che la riguarda. Tra i due ragazzi però nasce un sentimento, Lily è completamente cotta di Jackson, mentre lui non può fare a meno di notare la bellezza della ragazza e rimanere stregato dalla sua dolcezza. Un solo bacio segna la fine di ogni cosa. Jackson viene cacciato di casa e prende la palla al balzo per realizzare il suo sogno e arruolarsi. Lily rimane a pagare le conseguenze di un attimo di follia e a esaudire le richieste del padre.

“Il modo in cui mi guardava, come se non desiderasse altro che essere baciata… era davvero troppo. In fondo presto sarei partito, chissà quando ci saremmo rivisti, e morivo dalla voglia di conoscere che sapore aveva. Un solo bacio, piccolo, innocente. Non volevo nient’altro. Non l’avrebbe saputo nessuno, poi lo fece, mi baciò. Aveva ragione, mi piaceva eccome. Le sue labbra morbide si chiusero sulle mie e le sue mani mi si strinsero sulle guance. Oh mio Dio, il suo sapore. Era vaniglia, sole, innocenza, sapeva di paradiso…”

Sono passati sette anni, senza alcun preavviso Jackson torna a casa e, per caso, incontra Lily. Lei è ferita per il suo comportamento ma non vuole farsi sfuggire l’opportunità di riallacciare i rapporti. Lui sembra un uomo diverso, la vita nell’esercito l’ha cambiato. É intenzionato a essere un bravo ragazzo e cerca di fare ammenda per i suoi errori. Non ha messo in conto che Lily ha iniziato un lento processo di ribellione contro suo padre e, a quanto pare, Jackson fa parte delle scelte che lei sta prendendo esclusivamente per sé stessa. Intrappolata in un fidanzamento senza amore, cerca di assecondare quel forte sentimento che non l’ha mai abbandonata dalla prima volta che ha visto Jackson. Che ne sarà di loro?

“Ogni centimetro di me tremava dalla voglia di provargli quanto si sbagliava. Di provargli che non ero così per bene come credeva lui. Che potevo essere una cattiva ragazza, proprio come lui.”

La trama mi ha interessata subito, una storia tra due fratellastri è intrigante e presuppone molti ostacoli e complicazioni. Un amore tormentato insomma. Tuttavia, nonostante le premesse, mi è mancato qualcosa. Più aneddoti del passato non mi sarebbero dispiaciuti, per comprendere meglio il loro rapporto e approfondirlo. Le parti che ho apprezzato di più sono sicuramente i capitoli di Jackson, personaggio molto più complesso di Lily, anche più emotivamente rilevante. 

“Per una frazione di secondo, una maledetta frazione di secondo, ci pensai. Pensai di andare fino in fondo e baciarla un’altra volta. Dio quanto desideravo azzerare quella distanza tra di noi, assaggiare il sapore delle sue labbra, sentire se erano ancora dolci come il suo profumo, perché ero sicuro al cento per cento che fosse così, e sapere se la sua anima pulita e lucente sarebbe stata in grado di illuminare la mia con un semplice bacio, anche se ovviamente sapevo che non era possibile.”

Purtroppo, per lei non ho sentito una gran simpatia. Mi risultava difficile comprendere alcuni suoi comportamenti. Non ho apprezzato alcuni termini usati, appartenenti a un gergo poco elegante. In questo contesto, a parer mio, erano fuori luogo. Il romanzo però scorre molto bene, si legge con facilità ed è coinvolgente. A tratti intenso, a tratti drammatico ed erotico, risulta sicuramente una piacevole lettura. Ho avuto, però, come la sensazione che questo romanzo volesse essere qualcosa di più, qualcosa di più profondo, impossibile, spinoso, moralmente discutibile, ma il risultato, forse, non ha completamente rispecchiato le aspettative. In sintesi, un buon romanzo che valuto con 4/5 e che consiglio a tutti, soprattutto a chi ama le storie d’amore complicate. 

Buona lettura!


Nessun commento:

Posta un commento