PRESENTAZIONE "Sotto la superficie" di Ilari C

Titolo: Sotto la superfice
Autore: Ilari C.
Editore: self-published
Genere: Romance/erotico mm contemporaneo
Prezzo ebook: € 3,99
Prezzo cartaceo: € 13,31
Data pubblicazione: 15/marzo/2018
Pagine: 221
Serie: Primo di una trilogia (autoconclusivo)


Cristian è il famoso numero 10 della Roma City, e ha tutto quello che desidera a portata di mano. Il calcio gli ha permesso di pagare i debiti di suo padre, e il successo di assecondare il suo bisogno di attenzioni. Il calcio gli ha dato tutto, a patto di non rivelare la sua bisessualità. 
Samir è un pugile franco-tunisino di successo che per diventare tale è dovuto sfuggire al controllo di un padre violento. Sa chi dovrebbe essere, per suo padre, per i suoi connazionali, per la stampa, ma non chi realmente è. Perennemente in bilico tra il suo istinto di autodistruzione e la sua voglia di riscatto, è giunto a un compromesso: lui degli uomini non si innamora e questo, pensa, basta a renderlo come gli altri lo vogliono. Quando Cristian e Samir si incontrano si dicono entrambi che è solo sesso.
Cristian vuole concentrarsi sul calcio e su suo figlio. Samir ci tiene a restare l’eroe nell’immaginario collettivo dei suoi connazionali, e gli eroi, gli è stato insegnato, non sono gay. Ma la pressione dei tabloid, la curiosità morbosa dei fan, e, soprattutto, ciò che agita i loro cuori, rischiano di frantumare le loro maschere. Cosa si cela davvero sotto la superficie?



Ilari è da sempre appassionata di storie, convinta che nelle storie degli altri possiamo ritrovare qualcosa di noi stessi, anche se in modo contorto e imprevisto.
Ama le storie tormentate e ha esordito con un romance, a pensarci non è così sorprendente dato che a soli sei anni non solo guardava cartoni animati, ma anche telenovelas.
Cosa fa quando non scrive? Traduce, canta, ascolta musica e, ovviamente, legge. 


  “Tu lo sai cosa si prova quando finalmente pensi di aver trovato la tua casa, l’unico posto dove ti senti a casa, ma anche lì non c’entri? Come un tassello difettoso che non si adatterà mai a nessun puzzle.” 
  “Ricordò che non si erano toccati per tutto il giorno, erano stati bravi: agli occhi di tutti erano due amici qualunque e come tali si erano comportati. Non si erano baciati neanche sotto le stelle, come se avessero avuto pudore del loro amore e avessero voluto nasconderlo anche agli occhi degli astri. Ma poi erano entrati in tenda e Samir gli si era donato come non aveva mai fatto prima.”

Nessun commento:

Posta un commento