Recensione in Anteprima "OdioAmore" di Penelope Ward


Titolo: OdioAmore
Autrice: Penelope Ward
Editore: Newton Compton Editori
Genere: Romance
Formato: ebook
Prezzo: 4.99
Data pubblicazione: 14 agosto 2017
Protagonisti: Amelia, Justin
Pagine: 236
Serie: Autoconclusivo


Condividere una casa per le vacanze con un coinquilino sexy da morire dovrebbe essere un sogno che diventa realtà, giusto? Non se si tratta di Justin... l'unica persona che abbia mai amato... e che ora mi odia. Quando mia nonna è morta e mi ha lasciato metà della casa sull'isola di Aquidneck, c'era una trappola: l'altra metà appartiene al bambino che ha aiutato ad allevare. Lo stesso bambino che si è trasformato nell'adolescente a cui ho spezzato il cuore anni fa. Lo stesso adolescente che ora è un uomo con un corpo mozzafiato e una personalità complicata. Non lo vedevo da anni, e ora ci ritroviamo a convivere perché nessuno dei due è disposto a rinunciare alla casa. La cosa peggiore è che non è da solo. Ho capito presto che c'è una linea sottile tra amore e odio. Ho potuto guardare attraverso quel sorriso arrogante. Il ragazzino che conoscevo è ancora lì sotto. E anche il nostro legame. Proprio ora che non posso averlo, non l'ho mai desiderato di più.


Penelope Ward
È un’autrice bestseller del «New York Times», di «USA Today» e del «Wall Street Journal». È cresciuta a Boston con cinque fratelli più grandi e ha lavorato come giornalista prima di diventare una scrittrice. Vive nel Rhode Island con il marito e due figli.




Ciao ragazze,
eccoci nuovamente qui. Oggi vi parlo di “OdioAmore” di Penelope Ward.
Questo è un libro delicato, pieno di sentimenti, che ti accarezza il cuore. Scritto in prima persona, si ha sempre la sensazione di essere presenti nei vari momenti di questa dolce storia d’amore.
Justin e Amelia s’incontrano a undici anni, la loro è un’infanzia solitaria dato che i genitori sono troppo impegnati a vivere le loro vite per occuparsi di loro. Per questo sono spesso lasciati nella grande casa della nonna di lei. Sono due piccole anime che s’incontrano e l’una trova nell'altra quell'amicizia sincera e pura che solo a quell'età si può vivere.


Ma non restano bambini per sempre, crescono e diventano adolescenti, i loro corpi cambiano e iniziano a cambiare anche i loro sentimenti. È Amelia, grazie ai suoi ricordi, a raccontarci come questo sentimento poco per volta muta e diventa ogni giorno più importante. Non è in grado di dare un nome a questa cosa che le cresce dentro, è solo una ragazzina ed è spaventata. Non può immaginare la sua vita senza lui, l’unico sempre pronto a difenderla, a consolarla, a tenerle la mano in ogni occasione. Allora mette a tacere i suoi sentimenti accontentandosi di un’amicizia speciale. Justin non è da meno. Cerca di farle capire cosa prova con i suoi atteggiamenti, le sue attenzioni, ma non va oltre.
Pensano di avere tempo. Ma non è così. Un evento sconvolge tutto e questo piccolo amore pronto a sbocciare viene distrutto. Lei si sente tradita e scappa andando a vivere dal padre. Lui si sente abbandonato e anche quando Amelia tenterà di spiegargli il suo gesto non vorrà sentire ragioni, non vorrà più sentire lei.


Passano dieci anni di silenzi e poi la morte della nonna di Amelia li riavvicina. Ereditano quella casa in cui sono cresciuti e si sono incontrati. Inizia così una convivenza forzata.
Justin è un animale ferito, in tutti questi anni non ha dimenticato, non ha potuto o voluto farlo. Cerca di ignorarla, ma non ne è in grado. Il rancore che ha covato in tutti questi anni ha finalmente la possibilità di trovare sfogo e attacca Amelia ogni volta che può. Solo che anche l’odio è un sentimento, ed è molto, molto difficile da gestire.

«Mi chiedi di parlare, ma non hai capito che non ho niente da dire su ciò che è successo quasi 10 anni fa, ormai. Ho cancellato tutto. È troppo tardi, Amelia…
…Apri gli occhi e guarda le cose per quello che sono: io non conto più niente per te, né tu per me.»

Una valanga di ricordi ed emozioni sommergono Amelia. Si ritrova davanti al suo primo amore e da subito è chiaro che quel sentimento è ancora lì, non è mai svanito. È così diverso dal ragazzino che ricordava eppure le basta guardare per un attimo negli occhi di Justin per ritrovare quella scintilla che non si è mai spenta.

“Mi trovai di fronte Justin era come se il ragazzo che conoscevo fosse stato inghiottito da una massa di muscoli tonici. Era molto diverso da come lo ricordavo…
…una cosa era rimasta identica ad allora: i suoi occhi. Nel suo sguardo lessi lo stesso dolore dell’ultima volta che ci eravamo visti.”

Sa di non poterlo avere, ma sa anche che non vuole perderlo ancora. Tenta in tutti i modi di aggiustare la loro amicizia, ma lui non vuole parlarle, non vuole sentire le sue ragioni, per lui le scuse non servono perché ormai è troppo tardi.



Una sera, complice la tequila, i muri che hanno costruito vengono abbattuti e ogni cosa viene svelata, senza timori senza riverse. Per la prima volta entrambi parlano di ciò che provavano da ragazzi dando una possibilità alla loro amicizia di sorgere a nuova vita. L’attrazione sessuale fra loro è qualcosa che faticano a gestire ma non cedono, tutto diventerebbe troppo complicato.

“Gli ultimi dieci anni erano stati una lunga stagione di oscurità e rimpianti per il nostro rapporto. Ora che finalmente ci eravamo ritrovati, era come se il sole tornasse a sorgere per la prima volta, dopo tantissimo tempo.”

Quando tutto andava verso la giusta direzione eccola di nuovo, la vita. Lei con i suoi imprevisti ci mette ancora lo zampino e una situazione già complessa lo diventa ancora di più. Ci sono scelte da fare, domande a cui dare risposta, capire quali sono le priorità. Amore o amicizia?
Da qui in poi per sapere come finisce questa storia, dovete prendere il libro in mano e leggere. Non posso raccontarvi tutto, giusto?

Cosa penso di questo libro?
Sinceramente non mi è piaciuto molto. La trama è carina, ma troppo simile a molte altre. Gli manca quel non so che per renderla emozionante. La lettura è scorrevole, semplice forse anche troppo. I colpi di scena che avrebbero dovuto tenermi incollata alle pagine sono svelati poche righe dopo, negandomi il batticuore. Fin dai primi capitoli si capisce dove ci porterà la storia e questo toglie gran parte del bello che c’è nel leggere un libro. Certo non sapevo come si sarebbe sviluppata la storia, quali fossero gli avvenimenti importanti che ci avrebbero condotto alla fine, ma era palese fin da subito come sarebbe finita tra i protagonisti.
Amelia è troppo insicura e indecisa, in alcuni momenti noiosa. Sembra una bambina che non sa scegliere.
Justin… lui è un bel ragazzo, appassionato, gentile, simpatico. Pronto a comprendere e rassicurare. Eppure gli manca qualcosa.
Le scene di sesso sono ben dosate e molto delicate, seguono perfettamente lo stile del libro. Qualche refuso, ma quello si trova praticamente ovunque.
Concludendo vi consiglio comunque di leggerlo. No, non sono matta. Ciò che non piace a me voi potreste trovarlo sorprendentemente bello. Quindi fatevi una vostra opinione, io la mia me la sono fatta e perché no, se non siete d’accordo con me, fatemelo sapere. Con questo vi saluto.
Alla prossima mie splendide divoratrici di libri.
Buona Lettura!






Commenti

Post popolari in questo blog

GIVEAWAY 2000 iscritti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA "È solo colpa tua" di Robin C

RECENSIONE IN ANTEPRIMA "Logan" di Veronica Scalmazzi