RECENSIONE "Dark Blue" di CJ Roberts

Titolo: Dark Blue
Autrice: CJ Roberts
Editore: Newton Compton Editori
Genere: Dark Romance
Formato: e-book
Prezzo:€ 2.99
Data pubblicazione: 17 Agosto 2016
Protagonisti: Caleb e Olivia Ruiz
Serie: Captive Series






Captive Series
Caleb è un uomo con un unico obiettivo: la vendetta. Rapito da ragazzino e venduto come schiavo da un mafioso affamato di potere, da allora non ha mai pensato ad altro che a vendicarsi. Per dodici anni ha esplorato il mondo degli schiavi del piacere alla ricerca dell’uomo che ritiene responsabile del suo tremendo passato. Finalmente riesce a trovare l’artefice della sua sofferenza: ha una nuova identità, ma la stessa natura di un tempo. Per avvicinarsi abbastanza da colpirlo, Caleb deve trasformarsi in ciò che più odia e rapire una bellissima ragazza perché sia la vittima che lui stesso è stato.
Olivia Ruiz ha diciotto anni e si è appena svegliata in uno strano posto. Bendata e legata, ad accoglierla c’è soltanto una calma voce maschile. Si chiama Caleb, ma vuole essere chiamato Padrone. Olivia è giovane, bellissima, ingenua e testarda. Possiede una sensualità oscura che non riesce a nascondere. Pur essendo terrorizzata dall’uomo forte, sadico e arrogante che la tiene prigioniera, l’irresistibile attrazione che prova per lui la tiene sveglia nel buio.





CJ Roberts
È una scrittrice indipendente. Predilige storie oscure ed erotiche con elementi tabù. Le sue opere sono definite sexy e disturbanti allo stesso tempo. Il suo romanzo d’esordio, Dark Blue, ha venduto più di 150.000 copie ed è il primo della serie bestseller Captive Series. È nata e cresciuta in California. Si è arruolata nel 1998 nell’aeronautica militare, ci è rimasta dieci anni e ha viaggiato molto. Scrive anche racconti con lo pseudonimo di Jennifer Roberts.




Buongiorno lettrici, eccomi qui a parlarvi ancora una volta del mio genere preferito, come avrete capito, il Dark Romance. Ringraziando la Newton per la scelta di autrici straniere di cui ci delizia sempre.
Dark Blue appartiene a una serie che prende il nome di Captive Series, tratto dal titolo originale.
La trama per quanto possa sembrare scontata non deve trarvi in inganno, perché saprà appassionarvi e catturarvi dalle prime righe della storia.

Olivia Ruiz è una ragazzina di diciott'anni, che cresce nell'ombra di una madre prostituta, dalla quale vuole prendere le distanze, a partire dal modo di vestire, con abiti informi e coprenti che le permettano di nascondere il suo essere femminile. Il continuo rifiuto della madre nei suoi confronti la porta a un attaccamento e accanimento tale che ogni gesto compiuto dalla ragazza viene fatto per cercare consenso in lei, dalla volontà di prendere il diploma alla continua responsabilità che prova nei confronti dei fratelli, dei quali si occupa. Olivia è una brava ragazza, con dei saldi principi e alla disperata ricerca di affetto. Ed è proprio alla fermata dell'autobus mentre cerca di sfuggire all'ennesimo molestatore che la importuna per strada, per la sua semplice bellezza, che si imbatte in Caleb, l'uomo che in quel momento vede come suo salvatore e al quale chiederà un tacito aiuto per potersi liberare del suo fastidioso ammiratore.
Sarà in quel momento che Caleb e Olivia si scruteranno attentamente per la prima volta. L'ingenua Olivia nel profondo del suo imbarazzo vedrà in Caleb il suo Angelo Salvatore... niente di più sbagliato! Perché nonostante le apparenze angeliche di Caleb, lui è tutto meno che un Angelo! Al contrario, lui è colui che per settimane ha spiato e seguito la ragazza, ne ha studiato le abitudini, gli orari, il modo di vestire... aspettando il momento giusto per avvicinarsi e Colpire!

"Lui si portò il palmo della mia mano al viso, e potei sentire per la prima volta la sua pelle. L'intimità di questo semplice gesto mi costrinse ad abbassare lo sguardo, e mi ritrovai all'improvviso a temere più la sua gentilezza della sua crudeltà".

Caleb è un uomo la cui vita è stata spezzata nella gioventù, odia la sua bellezza perché è a causa di essa se è stato scelto come schiavo da ragazzo. Strappato da una famiglia di cui non ricorda niente e costretto a vivere le angherie, la violenza e soprusi inimmaginabili per un bambino. È grazie a Rafiq, l'uomo per cui tutt'ora lavora che ha escogitato il piano che cerca da 12 anni di mettere a segno.

Rapire una ragazza occidentale da vendere come schiava a Colui che gli ha distrutto la vita da ragazzo.

Questo è il piano che lo accomuna con Rafiq, solo dopo che si saranno vendicati del loro nemico, Caleb potrà ritenersi libero, sentire di aver saldato il debito verso l'uomo che lo ha salvato e cresciuto e ritenersi libero di poter vivere la proprio vita, finalmente per la sua strada. Ed è qui che entra in gioco Olivia, l'ignara vittima che proprio Caleb ha scelto per questa missione.


Ciò che non aveva messo in conto sono però i sentimenti che questa innocente ragazza, per la prima volta nella sua vita, svegliano in lui. Caleb è colui che viene definito un "mostro" nel suo ambiente, senza sentimenti, senza rimorsi, fa il suo lavoro come deve e basta, senza mai guardarsi indietro, senza mai provare compassione. Ma stavolta qualcosa non funziona, questa ragazza non si dimostra come le altre schiave, mantiene un temperamento e una tenacia che non avrebbe mai immaginato. Riesce a scalfire la superficie impenetrabile che ha avuto fino a quel momento. Il suo continuo modo di provocarlo e al momento stesso mostrarsi debole e fragile, risveglia in lui un senso di protezione che non aveva mai provato prima.


Il suo obiettivo e il suo senso di vendetta gli faranno da alibi per ogni sua azione ingrata.

Improvvisamente, il sorriso di Caleb svanì. Fissò la condensa sulla bottiglia, mentre le goccioline colavano piano. Si Alzò, bevendo un lungo sorso. Sì, l'avrebbe distrutta e ricostruita. Per Vladek.

L'introspezione di entrambi i personaggi faranno da fulcro per buona parte del libro. Riusciremo grazie ai due punti di vista dei protagonisti a capire bene le dinamiche e la miriade di incongruenze e sentimenti contrastanti che combattono in loro, a percepire attraverso di essi le sensazioni, i turbamenti e quella folle attrazione che li lega e che li porta a respingersi allo stesso tempo.

La scrittura della autrice è scorrevole, molto ben impostata. Il cambio repentino di pov è molto ben strutturato, nella quale ritroviamo la scrittura in prima persona per la protagonista e in terza persona per il personaggio maschile, il quale rende un punto di vista quasi distaccato, proprio come la persona di Caleb rappresenta. Leggere dei suoi sentimenti, per lui così sconosciuti è alquanto affascinante, nonostante si alternino con momenti di crudeltà che lo riportano a ritrovare se stesso.

Cose succederà quando il tempo sarà scaduto? Cosa farà Caleb quando sarà il momento di dare il via alla vendetta e dovrà consegnare la sua schiava? Saprà mantenere la parola data? O i suoi sentimenti saranno così forti da non riuscire a separarsi da lei e a cederla, dando il via a una serie di ripercussioni che non aveva pianificato? Per saperlo... non dovete fare altro che leggerlo voi stesse. ;)

Buona Lettura!

Ps. Naturalmente invito a leggere questo libro a coloro che amano il dark e che non sono troppo suggestionabili. Contiene diverse scene abbastanza crude e le scene erotiche sono particolarmente dettagliate. Nonostante tutto non l'ho mai trovato volgare o fastidioso.








Commenti

Post popolari in questo blog

GIVEAWAY 2000 iscritti

GIVEAWAY "C'era una volta a New York" di CECILE BERTOD

RECENSIONE - " Come miele e neve" di Siro T. Winter