RECENSIONE "Hackerami il cuore" di Fina Sanfilippo


Titolo: Hackerami il cuore
Autrice: Fina Sanfilippo
Editore: Self Publishing
Genere: Romanzo Rosa
Formato: ebook
Prezzo ebook/cartaceo: 0,99 €
Data pubblicazione: 7 marzo 2017
Protagonisti: Antonietta, John
Pagine: 282
Serie: autoconclusivo






Una minaccia li farà incontrare.
Una bugia potrebbe dividerli per sempre.

John Sebastian Spencer è un nuotatore olimpionico. Bello e arrogante, è abituato ad avere sempre il controllo su ogni aspetto della sua vita. Da sempre rifiuta ogni tipo di legame affettivo con le donne, perché convinto che l'amore renda deboli, vulnerabili. Per lui contano solo i suoi nonni e la sua carriera, tutto il resto è destinato ad essere solo di passaggio.
Ma se all'improvviso la sua vita, e quella della sua famiglia, fossero messe in pericolo da un cracker sconosciuto?
Per la prima volta non è lui ad avere le redini del suo destino. Tutto dipende dall'unica persona in grado di aiutarlo.
Ma se lei fosse anche la sola in grado di scalfire la corazza in cui ha chiuso il suo cuore?
Sarà disposto a rischiare pur di scoprire chi lo sta minacciando?

Antonietta Berardi ha realizzato il suo sogno. Si è trasferita a New York per inseguire la sua aspirazione: diventare un hacker. Oggi è una delle esperte informatiche più quotate in circolazione.
Ha dedicato tutte le sue energie al lavoro, trascurando così la sua vita privata.
Ma nonostante sia una ragazza indipendente e realizzata sogna il grande amore.
E se quell'amore si nascondesse in due occhi color smeraldo?
Due occhi che nascondono un anima tormentata, che aspetta solo di essere salvata. Antonietta è una donna forte e sincera, ma non pensa di essere la donna adatta ad aiutare John.
Eppure non ha scelta... il fato ha deciso per lei. Perché quando i sentimenti entrano in gioco è impossibile tirarsi indietro.
Desiderio e pericolo si mescolano in un intreccio unico ed emozionante.
John e Antonietta cosa faranno?
Rimarranno aggrappati al passato o seguiranno il loro destino?



Sanfilippo Fina nasce a Genova il 17 agosto 1988. È sposata e ha un bimbo di tre anni. Divide le sue giornate tra la famiglia, il lavoro e le sue passioni. Prima tra tutte la lettura. Da un anno ha iniziato il suo viaggio nel mondo della scrittura. E da poco ha iniziato anche a scrivere recensioni. Adora anche i film le serie TV e la musica.


Buona sera Lettori,

È con vero piacere che vi parlo di Hackerami il cuore” di Fina Sanfilippo.

Vi faccio una precisazione, avete letto la quarta di copertina e state pensando:
“Ma come cracker. Un cracker malefico e friabile ha attaccato tutti?” ahahah no! 
Vi dico subito che anch’io sono caduta in errore e ho fatto delle ricerche, di seguito la nota direttamente da Wikipedia
Il termine cracker (o Black Hat Hacker), in ambito informatico, indica una persona che si ingegna per eludere blocchi imposti da qualsiasi sistema informatico al fine di trarne profitto o creare danni.
Spiegazione che ci darà la stessa Antonietta.

Chiarita questa cosa, passo a raccontarvi qualcosa di Antonietta e John J


I personaggi

Antonietta è una giovane donna di 25 anni, un’informatica, si definisce una nerd.
Una bellezza acqua e sapone, un’amica sincera, timida e riservata, a volte impacciata ma ha in sé una forza che l’aiuta a superare gli ostacoli.



John è un uomo di 30 anni, un campione di nuoto, bello e affascinante è un playboy convinto.
Al mondo dà una versione di sé che lo rende ideale per il jet set, con scandali e una nuova fiamma a ogni evento ma il vero John è molto di più.










Antonietta e John hanno un incontro scontro molto interessante, da lì sarà una montagna russa di avvenimenti.
Il contatto reciproco e gli equivoci, a volte voluti altre casuali, danno vita a un avvicinamento che però non sempre è desiderato da entrambi.
Entrando uno nella vita dell’altra si troveranno a conoscersi e scoprirsi, questo fa sì che l’evoluzione dei sentimenti sia inevitabile ma… Il desiderio e la coscienza non sempre vanno di pari passo.

Nella vita di Antonietta ci sono due amiche/sorelle Patty e Federica, due caratteri differenti e contrastanti, che la spronano, la difendono e la fanno ragionare. Con loro e con la cagnolina, che ha un nome che è tutto un programma, Antonietta è se stessa e abbassa ogni filtro. Nel bene o nel male sa che l’affetto che le lega le permette di avere una spalla su cui piangere e allo stesso tempo qualcuno che l’appoggia nelle sue scelte.
John ha la sua famiglia e un amico d’infanzia, anch’essi sono un punto di riferimento e sono molto importanti nella sua vita; sa di poter contare su di loro ma allo stesso tempo vuole proteggerli da tutto, il suo ruolo e il carico emotivo è quindi molto pesante e impegnativo.

Antonietta con le sue amiche usa un gergo giovanile e ogni tanto leggero, in contrasto con quello professionale che usa sul lavoro, un valore aggiunto che denota una personalità ben sviluppata dall’autrice.
John ligio al dovere e attento a preservare la facciata che di sé dà al mondo, con il suo amico e con la sua famiglia si lascia andare rivelando il suo vero io, interessante anche il suo carattere e i segreti che custodisce.
Tra interventi esterni e l’attrazione che li sprona ad avvicinarsi, tra i due protagonisti ne succedono di tutti i colori, a volte complici altre nemici, tra i due si assiste a veri siparietti comici/drammatici.
Un pericolo che incombe su John è ciò che li porta a doversi frequentare, ma quando ragione e sentimento vanno in direzioni differenti chi avrà la meglio e come gestiranno le cose i due protagonisti?


Considerazioni

È il primo libro di Fina che leggo e per lei è la seconda pubblicazione. Già dalle prime righe mi è chiaro che lo stile dell’autrice mi piace, il suo modo di scrivere è semplice e diretto, usa dialoghi frequenti e questo rende la lettura frizzante. Quando per necessità le scene richiedono termini informatici è la stessa Antonietta a dare le spiegazioni, cosa estremamente ben studiata.
Il POV alternato mi permette di conoscere entrambi i punti di vista e ognuno aggiunge qualcosa alla scena. John controllato e pacato, Antonietta timida ma diretta; sono agli antipodi e proprio per questo mi conquistano e invogliano a conoscerli meglio.
Sono descritti molto bene sia caratterialmente che fisicamente, complessi e ben costruiti i risvolti psicologici, che hanno anche un’importanza ai fini di capire alcune decisioni.
I personaggi secondari sono ben decritti e hanno un ruolo importante nella storia, senza però che diventino ingombranti, cosa che è piaciuta parecchio.
La trama è ben sviluppata e ogni avvenimento arriva al giusto momento, avendo poi delle conseguenze adeguate che giustificano atteggiamenti e comportamenti dei personaggi.
Il pericolo rappresentato dal cracker è ben gestito e intrecciato con il resto della trama, altro punto a favore dell’autrice è il fatto che fino all’ultimo mantiene il segreto sulla sua identità, spronandomi così a leggere.
Buona la correzione e l’attenzione all’editing, io che vado a cercare il pelo nell’uovo, posso affermare che sono presenti solo piccole sviste insignificanti.
Il finale è perfetto per la storia e per come si è evoluta, infatti alla fine saluto serea i miei nuovi amici.
Ora sono curiosa di sapere che avverrà tra… Non posso far spoiler, Fina sbrigati a scrivere ;)

Il libro è autoconclusivo ma fa parte di un progetto che vedrà 3 libri, ognuno può esser letto singolarmente, potete indovinare chi saranno i protagonisti successivi.

Non essendoci scene di sesso descritte in modo esplicito, il libro può esser definito come romanzo rosa puro, perciò può esser letto da adolescenti e adulti che hanno voglia di una storia bella e romantica.
Detto ciò faccio i complimenti a Fina che si è rivelata brava e capace.
Consiglio la lettura a chi cerca un bel libro, una storia ben scritta, romantica, giovanile e con una punta di mistero da svelare.

                                                                                                                                                                     Buona lettura!


Commenti

Post popolari in questo blog

GIVEAWAY 2000 iscritti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA "Izabella" di Kristen Kyle

RECENSIONE "Stringimi adesso" di Doranna conti