RECENSIONE " Due gocce d'acqua" di Nicola Rocca


Titolo: Due gocce d'acqua
Autore: Nicola Rocca
Formato: ebook / cartaceo
Prezzo: 3.49 € / 14.99 €
Genere: Thriller psicologico
Protagonisti: Chantal e Alfedo
Casa editrice: Enne Erre
Data pubblicazione: 3 Novembre 2016

Fun page:
Link d'acquisto
Booktrailer





Chantal ha sempre avuto tutto dalla vita. Affetti, amore, serenità e gioia. Poi, nell’ultimo anno, la vita ha smesso di sorriderle, togliendole tutto ciò che prima le aveva donato.
Un giorno, però, la fortuna torna a bussare alla sua porta.
In chat conosce Alfredo, titolare di un Bed & Breakfast in Toscana. I due chattano per qualche giorno, parlando del più e del meno. Infine, lui le propone un lavoro al B&B.
È una grande occasione, ma significherebbe trasferirsi a cinquecento chilometri da casa. Non è una scelta semplice.
Chantal mette sul piatto della bilancia i pro e i contro, e accetta la proposta di Alfredo.
Due giorni dopo si trova al Bed & Breakfast.
L’approccio non è dei migliori: quel posto è lugubre, isolato e sembra dimenticato da Dio.
L’intenzione di Chantal sarebbe quella di tornarsene da dove è venuta. Ma una soleggiata giornata di febbraio le fa cambiare idea. E poi c’è lui, Alfredo: una persona a modo, cortese, gentile. E molto, molto carino.
Così Chantal decide di restare.
Tutto sembra filare liscio, fino a che un giorno non è costretta a recarsi al paese. Lì sente le voci che girano.
Quel B&B è maledetto. C’è qualcuno che si aggira lì attorno. Che rapisce, stupra e uccide le ragazze che lavorano al B&B.
Chantal si sente mancare.
Sarebbe più semplice fare i bagagli e sparire. Ma qualcosa le dice che non potrà farlo, fino a che non avrà confermato o smentito quelle terribili voci.


Chantal è una ragazza dalla vita normale, semplice, una ragazza senza legami affettivi che ha dovuto affrontare da sola la morte della madre e il conseguente alcolismo del padre.
Chantal sopravvive a tante difficoltà, quando un giorno lo "smile" di una chat cambia la sua vita.
E’ Alfredo proprietario di un B&B che le offre un lavoro lontano da casa in un altro paese, lontana dal suo "sopravvivere" e con la speranza di ricominciare.

“Sembrava che la vita avesse ripreso proprio quel giorno a essere nuovamente una vita e non semplice sopravvivenza”.

Alfredo, un uomo dal passato oscuro, con tanti scheletri rinchiusi dentro un armadio; si un armadio che separa, come una linea invisibile, il bene dal male.

“quel suo sguardo timoroso, così gentile, così...”

Chantal si abitua subito a quei luoghi, che inizialmente gli erano sembrati lugubri, ma la sua tranquillità, viene turbata dalle voci che girano attorno al  B&B degli Ulivi Gemelli e al suo proprietario, ritrovandosi a dubitare spesso di Alfredo.

Ho scelto di leggere il romanzo di Nicola Rocca, consapevole del fatto che recensire un thriller psicologico non fosse per niente facile, ma ho accettato la sfida.
Quindi oggi mi ritrovo a parlarvi di un romanzo che mi ha fatto penare tantissimo in maniera positiva, mettendo a dura prova la mia mente.
Quando ho iniziato a leggere non capivo, non capivo quale fosse il ruolo di alcuni personaggi.
Ho iniziato a pormi tante domande e quando sono arrivata quasi alla fine del romanzo mi sono detta...  che l’autore è perfettamente riuscito nel suo intento!
Il libro è ben scritto, con tutti gli elementi del Thriller Psicologico. Buono lo stile dell’autore. Buona
la capacità di narrare le vicende e intrecciare i personaggi, in modo da non confondere e da non rivelare troppi particolari.
L’autore è stato in grado di tenere alta l’attenzione senza annoiare.
Sono rimasta incollata alle pagine, l'ho divorato in un attimo, con l’ansia di capire, di avere delle risposte e devo ammettere di essere stata sviata.
Un intreccio di situazioni ingannevoli e personaggi ambigui, ti portano a pensare a quale sia il loro vero ruolo all'interno del romanzo.

Tante sono le domande:
E proprio così? Quale è il vero ruolo di Alfredo e Chantal nel romanzo? Chantal riuscirà a individuare la differenza tra il bene e il male? Crederà alle voci? Di chi si fiderà? Del buono o del cattivo?
Non posso e non voglio raccontarvi altro. Non voglio rovinarvi lo stupore e la sorpresa che questo romanzo susciterà in voi se deciderete di leggerlo.

Perciò scoprirete tutto solo leggendolo!!!! ;)
A presto
Barby :-)

Commenti

Post popolari in questo blog

GIVEAWAY 2000 iscritti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA "Izabella" di Kristen Kyle

RECENSIONE "Stringimi adesso" di Doranna conti